CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.

The Copyright Laws of the United States recognizes a “fair use” of copyrighted content. Section 107 of the U.S. Copyright Act states: “Notwithstanding the provisions of sections 106 and 106A, the fair use of a copyrighted work (...) for purposes such as criticism, comment, news reporting, teaching, scholarship, or research, is not an infringement of copyright.”
Any image or video posted is used according to the fair use policy
Le notizie sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate per essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato.
Ho disabilitato la pubblicità creata da Google attraverso adsense in quanto inutile e fastidiosa per chi legge.
Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci tematici di Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di comprare libri o servizi da Amazon, meglio ;-)
Dimenticavo. Questo blog NON contiene olio di palma (è così di moda specificarlo per ogni cosa...)

Tumore dell'esofago: un passo avanti

Novità interessanti emergono da un articolo pubblicato su Cancer Cell dal gruppo di Timothy C. Wang,  della Columbia University, sull'adenocarcinoma dell'esofago.
Dati circa l'origine della malattia, le cellule coinvolte e bersagli utili per la terapia di un tumori il cui tasso di incidenza è fra i maggiori negli USA. 
Cosa si sa di questo tumore?
L''evento (o uno degli eventi) iniziatore è il riflusso gastroesofageo, un disturbo fastidioso e comune, per il quale la bile e altre componenti acide fuoriescono dallo stomaco verso l'esofago provocando, a lungo andare, irritazione ed infiammazione della mucosa esofagea. Lo stato infiammatorio ha come effetto secondario quello di stimolare la proliferazione delle cellule staminali presenti nella zona intermedia che in seguito migrano verso l'esofago.
La cronicizzazione di questo disturbo (e degli stimoli ad esso associati) da luogo al cosiddetto esofago di Barret, una condizione precancerosa presente nel 10% delle persone con riflusso gastroesofageo e nell'1% degli adulti americani. Il vero problema associato all'esofago di Barret è l'essere associato ad un aumento di 30-40 volte il rischio di sviluppare, con il tempo, l'adenocarcinoma dell'esofago, un tumore la cui prognosi è in molti casi infausta.
Uno dei problemi principali riscontrati finora nello sviluppare terapie idonee era l'assenza di un valido modello animale, necessario per validare farmaci sperimentali. Il lavoro di Wang ha posto rimedio a questo deficit grazie alla creazione di un topo transgenico (cioè un topo che esprime un gene "alieno" o deregolato) per uno dei fattori principali nell'infiammazione, l'interleukina-1. Risultato è un modello animale per l'esofagite, uno stato predisponente la malattia in esame.
Su questo modello sono stati testati diversi farmaci, fra i quali  si è visto che molecole aventi azione inibitoria del pathway di Notch, erano in grado di bloccare la proliferazione incontrollata delle cellule e di abbassare considerevolmente la frequenza con cui si aveva la transizione da sindrome precancerosa a tumore vero e proprio.
Un dato importante e necessario perchè possano essere testate molecole adeguate, per sicurezza ed efficacia, in un trial clinico su esseri umani.

Nessun commento:

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...

Il mio musical preferito e prodotti che uso per i miei amati Mac