CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

in una galassia lontana pianeti abitabili... o forse no

(space.com)
Tempo avevo riportato le entusiasmanti notizie riferite alla scoperta di pianeti appartenenti ad altri sistemi solari (--> "in una galassia lontana ...") la cui posizione orbitale fosse compatibile con la presenza di acqua allo stato liquido.
Ora a distanza di qualche mese sono emersi dati che, almeno per una di queste notizie, mostrano che l'accordo nel campo è lungi dall'essere stato raggiunto.
Più in dettaglio la notizia ora incriminata, riguarda l'osservazione di Steven Vogt della University of California Santa Barbara (UCSB). Nel 2010 pubblicò la notizia della identificazione di un pianeta attorno alla stella Gliese 581 nella costellazione della Libra, che orbitava nella zona permissiva per la presenza di acqua (Goldilocks zone). Il pianeta venne chiamato Gliese 581g.

 Questo dato diede il via nei mesi successivi ad un acceso dibattito in quanto, a differenza di altri esopianeti, le prove a riguardo si rivelarono contrastanti. Precisiamo. Non è mai stata messa in dubbio l'onestà intellettuale di Vogt. Semplicemente c'è forte discordanza sull'analisi dei dati da cui è stata inferita la presenza di Gliese 581g. Vale la pena ricordare che il termine "osservare" il pianeta è una semplificazione. La presenza di uno o più pianeti al di fuori del nostro sistema si basa sulla perturbazione gravitazionale che la presenza di pianeti induce nella velocità di una stella. Tanto più grossi e vicini sono alla stella e tanto più il movimento della stella subirà una alterazione. Per semplificare ulteriormente, un ipotetico osservatore posto nel sistema Gliese avrebbe le stesse difficoltà nel dedurre la presenza di un pianeta 4 volte più grande della Terra, figuriamoci identificare la Terra od un pianeta più piccolo sebbene prossimo al Sole come Marte.
Il modello proposto dagli svizzeri ipotizza che i pianeti siano 4 e non 5.
E' l'orbita ellittica di uno di essi a dare l'illusione di un quinto pianeta.
Gli americani replicano che le orbite sono in realtà instabili
®NYT
L'osservatorio di Ginevra in particolare (che nel 2007 aveva descritto la presenza dei 4 pianeti intorno a Gliese) contestò i calcoli di Vogt affermando che non aveva evidenze dell'esistenza del quinto pianeta, 581g. A questo seguì mesi dopo la contro-replica di Vogt che affermava che in realtà la presenza di 581g poteva essere dedotta dai dati svizzeri ma che loro non se n'erano accorti.

Dopo una serie di dibattiti che non sto qui a riassumere ma che potete trovare riassunti egregiamente sul New York Times del 21 agosto nell'articolo di Dennis Overbye, il consensus di astronomi indipendenti è (uso la terminologia scientifica non semplificata) che 581g abbia il 4% di probabilità di essere un falso allarme quando il valore limite comunemente accettato è l'1%. Si aggiunge tuttavia che "il dr. Vogt ha discrete possibilità di avere ragione" ... .
Come dire "Vogt potrebbe avere ragione, ma è molto più probabile che abbia torto".

Aspettiamo quindi l'evolversi di questa querelle quando nuovi dati saranno disponibili.

Nessun commento:

Posta un commento

Wikipedia bloccato in Turchia

Wikipedia bloccato in Turchia
Un'altra prova di quello che è la Turchia oggi e del pericolo che rappresenta per l'Europa e le sue libertà

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...