CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Tessuto adiposo bruno, bianco e … beige.

Questa volta sono rimasto alquanto sorpreso dallo studio pubblicato su Cell, la rivista più rigorosa per noi ricercatori. Mi cullavo nell'idea che la descrizione dei tipi cellulari differenziati fosse in buona parte stata risolta e che la sfida reale fosse nella caratterizzazione dei diversi stadi del differenziamento da cellula staminale a cellula differenziata (con tutti i vari stadi intermedi).
Leggendo l'articolo scopro che esiste, oltre al tessuto adiposo bruno e bianco, quello beige.
In effetti sbagliavo solo in parte in quanto le cellule beige sono sì dei precursori degli adipociti bianchi ma sono più di un stato transitorio nel differenziamento. Hanno delle funzioni specifiche.
Tessuto adiposo al microscopio elettronico a scansione
(®Broad Institute)
Un passo indietro per riassumere alcuni concetti base. Il tessuto adiposo è di due tipi, e funzioni, diversi.
Il tessuto adiposo bianco (WAT) è il più diffuso ed ha funzioni meccaniche (occupa gli spazi fra i nervi, muscoli e vasi proteggendoli), termoisolanti (conservando il calore prodotto e proteggendo da quello esterno) e di riserva.
Il tessuto adiposo bruno (BAT) è fondamentale per la produzione di calore (contrasta l'ipotermia) ma è anche importante nel controllo dell'obesità. Nell'adulto è presente in quantità limitata.

Studi recenti hanno mostrato che esistono due tipi di BAT: "classico", derivato dalle cellule myf-5; derivato dal WAT riconoscibili in quanto le cellule sono positive al marcatore UCP1.
Il team di Bruce Spiegelman (Harvard) ha identificato ora lw cellule beige nel WAT di topo, caratterizzate da bassi livelli di UCP1 ed un profilo di espressione genica (una sorta di impronta digitale che identifica diverse tipologie cellulari) distinta sia dal BAT che dal WAT. Inoltre queste cellule sono sensibili ad un ormone (scoperto a gennaio dallo stesso Spiegelman), la Irisin, prodotto grazie al costante esercizio fisico e che converte il WAT nel BAT. Diminuisce quindi il grasso di riserva ed aumenta la facilità di dispersione delle calorie in eccesso sotto forma di calore.

In estrema sintesi l'articolo giunge alla conclusione che il BAT negli adulti, umani, è composto in grande parte non da adipociti bruni ma beige!
Una osservazione importante per sviluppare nuove terapie contro l'obesità ed il diabete, in quanto ridefinisce le cellule target.


***
Note
  • Irisin. Esperimenti su topi obesi e pre-diabetici hanno mostrato che il trattamento con Irisin rende i topi molto più resistenti al rischio diabete anche se nutriti con cibo ad alto contenuto lipidico (vedi anche articoli tematici sul NYT e su Nature)
  • La presenza del BAT favorisce la comparsa di una corporatura snella e migliora la sensibilità tissutale all'insulina. Svolgere attività fisica (così come l'esposizione al freddo) induce la comparsa di cellule brune/beige all'interno del WAT, processo noto come browning (brunizzazione). Curiosamente il verificarsi di questo fenomeno nel tessuto adiposo sottocutaneo inguinale e viscerale è favorito dalla riduzione del microbiota (ad esempio dopo trattamento antibiotico). Un dato che prova una volta di più lo stretto legame tra composizione microbica "amica" e "benessere" (--> Nature Medicine (2015) - 21, pp. 1497–1501).

Nessun commento:

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...