CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.

The Copyright Laws of the United States recognizes a “fair use” of copyrighted content. Section 107 of the U.S. Copyright Act states: “Notwithstanding the provisions of sections 106 and 106A, the fair use of a copyrighted work (...) for purposes such as criticism, comment, news reporting, teaching, scholarship, or research, is not an infringement of copyright.”
Any image or video posted is used according to the fair use policy
Ogni news è tratta da articoli peer reviewed ed è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto sia datato.
QUALUNQUE link in questa pagina rimanda a siti sicuri!! SEMPRE.
Volete aiutare questo blog? Cliccate sui prodotti venduti da Amazon (se non li vedete, disattivate l'Adblocker. Non ci sono pop up o script strani, solo Amazon). Se poi decidete di comprare libri o servizi da Amazon, meglio ;-)
Dimenticavo. Questo blog NON contiene olio di palma (è così di moda specificarlo per ogni cosa...)

Le malattie evitabili: una percentuale troppo alta.

Vi è un gruppo di malattie molto comuni e ad alto impatto umano e sociale conosciuto come i killer silenziosi. o usando un termine più tecnico ma ugualmente efficace non-communicable diseases (NCDs). Sebbene non si tratti infatti di malattie trasmissibili in senso stretto vi è in realtà un certo grado di trasmissione dovuta alla emulazione di comportamenti potenzialmente dannosi.
Fra le patologie che rientrano in questo gruppo abbiamo il diabete, malattie cardiovascolari e respiratorie croniche, il cancro (escludendo quelli in cui il coinvolgimento di un virus è noto) e le malattie mentali. I mandanti di queste malattie sono diversi e si chiamano alcool, tabacco, alimentazione, ... .
Le NCDs rappresentano la principale causa di morte (63%) ed al suo interno le malattie cardiovascolari, seguite da quelle respiratorie croniche, sono quelle numericamente più importanti. Il dato è ancora più interessante se si considera che la frequenza è maggiore nelle fasce a basso reddito. A tal proposito un articolo di Nick Wareham - direttore sia al Medical Research Council che al Epidemiology Unit and Cambridge’s Centre for Diet and Activity Research (CEDAR)  - evidenzia due dati interessanti riguardo ad i comportamenti alimentari dannosi:
  •  La percentuale di obesità fra gli homeless non è come si potrebbe pensare inferiore rispetto alla popolazione standard ma uguale se non superiore. Questo farebbe pensare al fatto che l'alimentazione è, avendo possibilità di scelta, fortemente squilibrata verso i cibi spazzatura.
  • Tuttavia nello studio si è osservato che anche fornendo in modo continuativo e senza sostanziali limitazioni attraverso enti appositi la possibilità di scegliere il tipo di cibo, la maggior parte dei soggetti si orientava verso cibo più saporito (quindi grasso) e non cibo sano ed ugualmente sostanzioso.
 Questi dati sono sostanzialmente gli stessi quando il campione analizzato è formato da famiglie a reddito e cultura medio-bassi. Il che indica come la componente culturale e formativa abbia un ruolo fondamentale nella genesi di comportamenti - non solo - alimentari il cui impatto economico negativo è stimato in 47 mila miliardi di dollari nei paesi occidentali. Il problema è che le stime indicano una crescita delle morti dovute a NCDs nel 2030 quasi doppia dell'attuale, per una combinazione nefasta che lega la crisi economica da una parte (legame fra stress e comportamenti non salutari) e l'aumentato accesso a cibo in eccesso da parte di quei popoli la cui dieta era fino ad oggi limitata

In conclusione, il comportamento è anche esso un fattore di rischio per le NCDs, spesso in associazione con fattori biologici, comportamentali e sociali. Ma a differenza di questi ultimi può essere influenzato in positivo attraverso i giusti incentivi, un ambiente di sostegno ed una maggiore consapevolezza degli effetti positivi di un atteggiamento pro-attivo (dieta, attività fisica, ...). Trasferire questa concetto alle persone è la vera sfida dei prossimi anni.

Nessun commento:

Libro del mese

Libro del mese
Il mio primo libro di Hawking risale all'inizio degli anni '90, quando volevvo distrarmi dalla "mia" scienza leggendo altre materie. Da allora non ho mai smesso di leggerlo. Questo, ahime, è il suo ultimo

Eric Kandel, Nobel, divulgatore, neuroscienziato. Che altro? Scrive libri appassionanti