CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Acqua su, anzi no, sotto Titano

Il continuo flusso di dati della sonda Cassini ha fornito nuovi dati su Titano, la luna più grande di Saturno: sotto la superficie ghiacciata si trova un oceano di acqua allo stato liquido.
Secondo Paolo Tortora uno degli autori dell'articolo apparso su Science poche settimane fa, quando Titano passa molto vicino a Saturno si deforma, a causa della forza di gravità, che, in prossimità del pianeta, aumenta notevolmente. Un fenomeno alla base delle maree nel rapporto Terra-Luna ma che su Titano viene notevolmente rinforzato dalla grande massa di Saturno.
I ricercatori usano come similutidine visiva per descrivere l'azione gravitazionale di Saturno su Titano, quella di un pallone da rugby. Una forma che viene persa a favore del normale aspetto sferoide quando l'orbita si allontana dal suo punto di massima vicinanza. Se la struttura di Titano fosse rigida, l'attrazione gravitazionale di Saturno generebbe delle maree solide, o rigonfiamenti, inferiori ad un metro di altezza. Poichè i dati di Cassini indicano che le le deformazioni sono maggiori di 10 metri, ne consegue che la parte interna non è completamente solida: l'ipotesi formulata è che ci debba essere un oceano nascosto in profondità (fino a 250 km al di sotto della crosta ghiacciata).
La ricerca dell’acqua, un obiettivo a lungo perseguito dalla ricerca astronomica vicina (Luna, Marte, …) e lontana (pianeti extra-sistema solare) ha conquistato un altro tassello importante.

Link della notizia della NASA.

Nessun commento:

Posta un commento

Wikipedia bloccato in Turchia

Wikipedia bloccato in Turchia
Un'altra prova di quello che è la Turchia oggi e del pericolo che rappresenta per l'Europa e le sue libertà

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...