CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Gli indumenti e l'Homo sapiens

A volte le domande apparentemente più improbabili sono quelle che permettono di capire meglio alcuni metodi scientifici.
Un metodo quello dei "perchè?" ampiamente usato da molta letteratura di divulgazione scientifica che, solo rimanendo nell'ambito italiano, comprende autori come Angela, Frova, etc. In ambito radiofonico segnalo la trasmissione radiofonica "Moebius" condotta da Federico Pedrotti su Radio24. Ed è proprio durante una di queste trasmissioni che è emerso il quesito che da il titolo a questo post :
si può datare approssimativamente quando durante l'evoluzione del genere Homo si sia passati dal naturale nudismo all'utilizzo di indumenti, ovviamente, semplici ma indossati costantemente?

E' superfluo sottolineare come le condizioni ambientali di per se siano un fattore secondario alla "vestizione". E' infatti più corretto pensare che la conquista di ambienti inospitali sia secondaria alla capacità di affrontare almeno sul medio termine le avverse condizioni. Se da una parte gli ominidi del Borneo o in genere della zona equatoriale/sub-tropicale non avevano/hanno grossi motivi per acquisire il concetto di vestizione usando le pelli di altri animali è altrettanto evidente che in altri ambienti anche solo temperati questo "passo" ha fornito un vantaggio selettivo molto forte.
Ricordo anche che nessun altro primate antropomorfo ha insito questo concetto, se tralasciamo i poveri scimpanze a cui viene insegnato  a mettersi i pantaloni per puro diletto dell'ammaestratore.
Molte sono le variabili che possono avere influito (perdita di una "pelliccia protettiva", etc) ma focalizzandosi solo su di esse si cadrebbe nel rischio di girare in tondo con quesiti del tipo "è nato prima l'uovo o la gallina".
Punto di partenza è che la specie sapiens è sostanzialmente priva (con eccezioni a livello individuale più che di popolazione ed etnia) di una copertura "pelosa" minimamente utile, sia che si considerino etnie adattate da migliaia di anni a climi freddi che tropicali. Il concetto di vestizione deve essere successivo quindi alla perdita di una "pelliccia".

Vale la pensa allora focalizzarsi su marcatori indiretti ma correlati alla vestizione. Quale indicatore migliore dei pidocchi?
Questi insetti sono infatti come tutti gli esseri viventi soggetti alla selezione naturale, in altri termini evolvono. Possono quindi essere studiati geneticamente, le diverse specie analizzate e la distanza genetica tra le diverse specie caratterizzata (a quanto tempo fa risale il progenitore comune?). Il punto nodale è che i pidocchi che usano come ospite abituale l'essere umano si distinguono in due categorie generali: i pidocchi dei capelli e quelli della cute a contatto con i vestiti. Queste due specie si sono adattate a due tipi di nutrimento diversi, ad esempio le cellule morte del cuoio capelluto nel primo caso. Il fenomeno della speciazione implica in primis la perdita della capacità di incrociarsi fra loro, e agli studiosi permette di seguire le differenze genetiche che si vanno sedimentando sui diversi rami evolutivi. Dalla analisi delle differenze esistenti in alcune sequenze del DNA e calcolando il tasso di mutazione standard è possibile calcolare il momento in cui si è esistito il progenitore comune. Un dato da cui si può ricavare il periodo in cui non esisteva la nicchia preferita dal pidocchio dei vestiti: circa 170.000 anni fa.
(fonte:  Andrew Kitchen dell´Università di Pennsylvania; Moebius)

Nessun commento:

Posta un commento

Wikipedia bloccato in Turchia

Wikipedia bloccato in Turchia
Un'altra prova di quello che è la Turchia oggi e del pericolo che rappresenta per l'Europa e le sue libertà

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...