CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.

The Copyright Laws of the United States recognizes a “fair use” of copyrighted content. Section 107 of the U.S. Copyright Act states: “Notwithstanding the provisions of sections 106 and 106A, the fair use of a copyrighted work (...) for purposes such as criticism, comment, news reporting, teaching, scholarship, or research, is not an infringement of copyright.”
Any image or video posted is used according to the fair use policy
Ogni news è tratta da articoli peer reviewed ed è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto sia datato.
QUALUNQUE link in questa pagina rimanda a siti sicuri!! SEMPRE.
Volete aiutare questo blog? Cliccate sui prodotti venduti da Amazon (se non li vedete, disattivate l'Adblocker. Non ci sono pop up o script strani, solo Amazon). Se poi decidete di comprare libri o servizi da Amazon, meglio ;-)
Dimenticavo. Questo blog NON contiene olio di palma (è così di moda specificarlo per ogni cosa...)

Come dormivano i veri Flinstones

La scoperta della cura con cui i nostri antenati preparavano i loro giacigli è di qualche tempo fa; l'avevo letta e "immagazzinata" nella soffitta della mia memoria dove è poi rimasta "a prendere polvere".
Questo fino a quando una delle tipiche domande "da 1 milione di euro" fattami da un giovane durante una ritrovo di famiglia mi fece tornare in mente che qualcosa avevo letto a riguardo. La discussione inizialmente centrata sull'evoluzione dei sapiens era poi approdata alla saga immaginifica e chiaramente  poco reale dei Flintstones, con la domanda su dove dormissero e in che condizioni.

 Già dalla preistoria l'essere umano ha cercato di creare un ambiente dove dormire in modo sicuro e confortevole. E fin qui in realtà nulla di nuovo dato che moltissime altre specie animali lavorano alacremente per costruire il nido e/o consolidare il proprio rifugio, specialmente in funzione di un luogo protetto per l'allevamento della prole.
Lo stile "Flintstones" (cartoonbrew.com)
Gli esseri umani (e qui il discorso comprende anche i cugini dei sapiens, ad esempio i neandertal) sono andati oltre creando delle zone attrezzate per un riposo soddisfacente in funzione generale e non solo come "nido" temporaneo.
Come i loro discendenti, cioè noi, i "Flintstones" hanno lasciato molte tracce dei luoghi in cui vissero, spesso sotto forma di spazzatura. Dall'analisi di queste aree è emersa la loro crescente attenzione a quello che oggi chiameremmo design d'interni funzionale.
A volte ci hanno perfino lasciato dei disegni sulle pareti anche se più spesso di queste abitazioni abbiamo solo i resti derivanti dall'averci vissuto per secoli, generazione dopo generazione, accumulando così uno sopra l'altro sedimenti e i manufatti.
Questa sedimentazione ha lasciato tracce sufficienti affinché gli antropologi riuscissero a ricostruire con buona precisione la tipologia dei giacigli usati. Uno studio come quello compiuto da Lyn Wadley e descritto sulla rivista Science, che ha permesso di ricostruire i "letti e lenzuola" del "filintstoniano" che abitava presso i rifugi rocciosi siti a Sibudu, Sud Africa.
Ma attenzione, sebbene io abbia usato un virgolettato, si tratta di vere e proprie lenzuola e materassi, sebbene primitivi, risalenti ad un periodo compreso fra 77 mila e 38 mila anni fa (tardo pleistocene), costituiti da piante e foglie scelte (questo termine è l'elemento chiave) in modo non casuale.
La zona dei ritrovamenti
Le piante selezionate, appartenenti al del genere Carice e oggi note per le loro proprietà terapeutiche, erano poi coperte con altre piante aromatiche naturalmente ricche di sostanze ad azione insetticida e larvicida. Il tutto assemblato per formare una struttura passabilmente confortevole e calda, ma soprattutto "autopulente".
Non solo. Si è anche scoperto che i materassini venivano periodicamente bruciati, almeno a partire da 73 mila anni, fa ad indicare una manutenzione costante dei letti. Inoltre il numero di tali strutture mostra una crescita sostanziale a partire da 58 mila anni fa:  evento questo facilmente associabile ad un aumento costante della popolazione locale, indice a sua volta di aggregazioni sociali stabili.
I nostri antenati sapevano che dormire bene in un posto comodo e pulito era necessario tanto quanto sapere cacciare stare in gruppi coesi.
--> Homo denisova, un nuovo membro nell'album di famiglia
e in generale gli articoli presenti nel tag --> Antropologia Evolutiva


Fonte
- Middle Stone Age Bedding Construction and Settlement Patterns at Sibudu, South Africa
Lyn Wadley et al, Science Vol. 334 no. 6061 pp. 1388-1391 

Mai avrebbe immaginato Fred che oggi vendono perfino i suoi vestiti
per Carnevale! Fred Flinstone Costume

Nessun commento:

Libro del mese

Libro del mese
Il mio primo libro di Hawking risale all'inizio degli anni '90, quando volevvo distrarmi dalla "mia" scienza leggendo altre materie. Da allora non ho mai smesso di leggerlo. Questo, ahime, è il suo ultimo

Eric Kandel, Nobel, divulgatore, neuroscienziato. Che altro? Scrive libri appassionanti