CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Studiare le lingue ... "ingrandisce" il cervello.

(®lingualounge.co.uk)
I cadetti dell'accademia delle forze armate svedesi hanno a disposizione dei corsi dove apprendere una o più lingue straniere partendo da zero. Lo scopo di questi corsi è di creare militari professionisti in grado con padronanza completa della lingua scelta. Sia essa arabo, cinese, russo, dari, etc. Non si tratta ovviamente di una attività part-time ma di un tour de force che permette nel giro di 13 mesi di acquisire una padronanza completa. I corsi intensivi, in senso letterale, vanno dalla mattina alla sera, giorni feriali e fine settimana.
Una ghiotta opportunità per chi si occupa di neuroscienze e vuole monitorare la relazione fra  processo di apprendimento di una lingua e modificazioni della attività cerebrale. Come non mi stancherò mai di ripetere, ogni studio scientifico che si rispetti necessita di un gruppo di controllo adeguatamente scelto. Il rischio di falsare risultati in se interessanti a causa della mancanza di controlli validi (vale a dire costituiti da individui simili a quelli "studiati" e sottoposti a condizionamenti altrettanto paragonabili) è uno delle cause più comuni di fallimento sperimentale.
Il gruppo di controllo scelto in questo studio è affidabile e consiste in studenti della università di Umeå iscritti a corsi ugualmente impegnativi (ad esempio medicina) ma non in cui l'attività legata all'apprendimento di una lingua straniera è secondaria (ricordo che a differenza che da noi, gli studenti svedesi delle scuole superiori hanno una buona padronanza di almeno due lingue straniere).
Torniamo alle condizioni sperimentali. L'attività cerebrale degli studenti è stata monitorata mediante  risonanza magnetica prima dell'inizio dei corsi e dopo tre mesi di studio intensivo.
I risultati sono interessanti. Mentre la struttura del cervello del gruppo di controllo è rimasta invariata, alcune aree specifiche del cervello degli studenti di lingue sono cresciute (in senso letterale). Le parti che si sono sviluppate in dimensioni sono l'ippocampo (una regione coinvolta nell'apprendimento e nella percezione spaziale) e tre aree nella corteccia cerebrale.
Gli studenti in cui si è osservata una crescita maggiore di queste regioni (giro temporale superiore, vedi immagine sotto) sono quelli dotati di competenze linguistiche migliori rispetto agli altri studenti.
(®wikipedia.org)
Tale regione è coinvolta nel processamento di stimoli uditivi complessi (ad esempio il linguaggio) oltre a funzioni importanti nella social cognition (l'attività mentale che ci permette di capire l'aspetto sociale).

Al contrario gli studenti che hanno dovuto fare uno sforzo maggiore per raggiungere il risultato finale mostravano un incremento volumetrico dell'area responsabile del processamento delle informazioni, il giro frontale medio.
(®wikipedia.org)


Quale sia l'area del cervello "rimodellata" dipende quindi da quanto sia percepito come facile (soggettivo, dipendente cioè dalla predisposizione individuale) il processo di apprendimento della lingua.
Dati che si collegano ad altre osservazioni preliminari presenti nella letteratura scientifica che suggeriscono come la malattia di Alzheimer abbia un esordio più tardivo nei soggetti almeno bilingue.
"Non possiamo confrontare tre mesi di studio intensivo di lingua con una vita da bilingue" precisa giustamente Johan Mårtensson, uno degli ricercatori coinvolti,."Ci sono però forti indizi che suggeriscono come l'apprendimento delle lingue sia un buon modo per mantenere il cervello in forma".

Sull'argomento lingue e sviluppo vedi anche il post "bambini bilingue ...".

Articolo di riferimento

Growth of language-related brain areas after foreign language learning
Johan Mårtensson et al. NeuroImage  Volume 63, Issue 1(2012), pages 240–244

Univesità di Lund, news

Nessun commento:

Ricondizionati e garantiti da Amazon

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...

Un utile approfondimento sull'assioma oggi alla moda vegano = salute e sulla fallacia dei giudizi non scientifici