CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Predire la capacità di lettura nei bambini


Se un bambino di 7 anni divora avidamente le pagine dei libri di "Harry Potter", c'è una ragionevole certezza che da grande diventerà un assiduo lettore. Se al contrario la lettura lo annoierà, o semplicemente lo stancherà, il suo rapporto futuro con la lettura sarà problematico. E' noto infatti che la capacità di lettura di un bambino all'età di 7 anni permette di  prevedere con precisione la capacità di lettura dello stesso a 10 anni di distanza. Un bambino che ha problemi di lettura a 7 anni si porterà dietro tale difficoltà anche durante le scuole superiori: a parità di ore dedicate allo studio, e di sforzo, la sua capacità di assimiliazione è difatti inferiore. Maggiori difficoltà e apprendimento minore (rispetto ai propri compagni di classe) si traduce inevitabilmente in scoramento e in resa effettiva ancora minore.
(® Photos.com)
Sia chiaro non si parla di bambini con quoziente di intelligenza ridotto o che soffrono di altri disturbi (ad esempio la dislessia), oggi facilmente identificabili, ma di quegli individui che pur manifestando maggiori difficoltà sono in tutto e per tutto indistinguibili dagli altri. Identificare questi bambini prima dell'inizio del percorso scolastico permetterebbe di integrare l'insegnamento di base con modalità didattiche ad hoc rendendo il percorso scolastico da subito meno "deprimente". Minori sono le difficoltà e la sensazione di inadeguatezza provati, maggiore è la volontà di partecipare attivamente al lavoro di gruppo.
Queste affermazioni, solo apparentemente banali, sono state recentemente sostanziate da uno studio dell'Università di Stanford. Studio che ha uno scopo molto importante: identificare le differenze neurali tra le due sopracitate tipologie di bambini in modo da potere identificare precocemente i problemi di lettura.
Per fare questo i ricercatori hanno analizzato una volta l'anno e per tre anni consecutivi, la struttura cerebrale di 39 bambini mediante tecniche di risonanza magnetica. Dopo ciascuna scansione gli studenti sono stati sottoposti a test standard per misurare le loro abilità cognitive, linguistiche e di lettura. Si è potuto così osservare che il grado di sviluppo della materia bianca (ricavato dai valori di anisotropia frazionale - FA) delle regioni del cervello tipicamente associate alla lettura, permette di predire con precisione il punteggio ottenuto successivamente nel test.
In particolare, i bambini con capacità di lettura superiore alla media hanno un valore di FA in specifiche aree (fascicolo arcuato nell'emisfero sinistro - Laf - e il fascicolo longitudinale nell'emisfero inferiore) che aumenta costantemente con il passare del tempo.
Il Laf in un'nalisi del cervello per imaging (®wikimedia)
Al contrario i bambini con minore abilità nella lettura partono da valori di FA alti che diminuiscono con il tempo. 
Jason D. Yeatman, uno degli autori dello studio, commenta "Nel momento in cui i bambini entrano nella scuola elementare, il divario tra "lettori" e "non-lettori" tende ad aumentare". Intervenire precocemente è fondamentale.
La buona notizia allora è che ci sono strumenti in grado di predire tali difficoltà e di colmarle grazie alla straordinaria plasticità del cervello dei bambini in grado di rispondere a sollecitazioni mirate. Un intervento che si spera di implementare già nei prossimi anni.

Fonti
- Stanford University, news
- Development of white matter and reading skills
   PNAS 2012 - 109 (44)
- Reading impairment in a patient with missing arcuate fasciculus
  Neuropsychologia, 2009 - 47 (1)

Nessun commento:

Ricondizionati e garantiti da Amazon

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...

Un utile approfondimento sull'assioma oggi alla moda vegano = salute e sulla fallacia dei giudizi non scientifici