CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Biochimica dell'amore / gli ormoni -parte 5/5

Da "Harry ti presento Sally"


(CONTINUA da  parte-4)
____________________

Di seguito un riassunto di ormoni e neurotrasmettitori responsabili di fenomeni come innamoramento, legame affettivo e orgasmo.
Ovviamente nel redarre questo articolo ho dato per scontato un minimo di conoscenza nel campo delle neuroscienze (neurotrasmettitori, etc) per potere tralasciare la spiegazione degli elementi teorici di base.



Dopamina
Anche detto l'ormone della ricompensa. E' il neurotrasmettitore coinvolto nelle sensazioni di piacere, quello che ti lascia la sensazione di avere sperimentato l'estasi. Oltre al desiderio sessuale è responsabile anche della brama, del desiderio, della motivazione e del comportamento che si focalizza per appagare il desiderio. Non stupisce quindi che sia coinvolto nei meccanismi alla base della dipendenza. In breve, nell'ambito delle tematiche di questo articolo, è responsabile della sensazione di benessere che si prova nell'essere vicini ad una determinata persona ma anche della compulsione a ricongiungersi ad essa quando il contatto cessa. La sola visione della fotografia dell'amato/a è in grado di stimolare il rilascio di dopamina nel cervello.
La dopamina inibisce il rilascio della prolattina.

Prolattina
L'ormone della sazietà. Reprime l'azione della dopamina e quindi spegne il "desiderio immediato". Uomini e donne con alti livelli di prolattina mostrano un diminuito interesse sessuale e/o la capacita' di avere orgasmi, oltre a disturbi dell'umore come ansietà e depressione.

Serotonina
I livelli di serotonina si abbassano quando si sperimenta un nuovo amore. Le persone nella fase di attrazione fisica hanno livelli di serotonina simili a quelli riscontrabili nelle persone con disturbo ossessivo-compulsivo, il che spiega per quale motivo alcuni amanti sono letteralmente ossessionati dall'altro/a.
La serotonina viene rilasciata durante l'orgasmo, da qui la sua azione anti-depressiva. Dopo il sesso le persone sono in genere più felici, ottimiste e rilassate. Essendo successivo all'orgasmo ha una azione di "freno" del comportamento sessuale maschile. La serotonina e la dopamina agiscono quindi su due vie contrapposte. La vincente decide l'attivazione o meno di un comportamento sessuale.

Ossitocina
L'ormone delle coccole. La ossitocina (vedi parte 3 e 4) è un ormone che favorisce l'instaurarsi di legami a lungo termine. Induce sentimenti di affetto per l'altra persona, aumenta la fiducia, ti fa vedere le persone in una luce più positiva, etc. Da un punto di vista prettamente sessuale induce le contrazioni caratteristiche dell'orgasmo e stimola la prostata. Il rilascio durante l'orgasmo è funzionale alla creazione di un legame post-riproduttivo. Le donne hanno livelli basali di ossitocina più elevati degli uomini, e hanno una maggiore densita' di recettori nel cervello.
L'ossitocina necessita di estrogeni per funzionare al meglio. Il contatto visivo, le coccole, il toccarsi reciprocamente e in generale  il sesso e l'orgasmo aumentano i livelli di ossitocina.

Vasopressina
La vasopressina è l'ormone della monogamia (vedi parte 3 e 4) in quanto rafforza il legame di coppia negli animali. Una funzione analoga è presente anche negli umani.

Feniletilamina
La feniletilamina (PEA) e' un alcaloide con attività neurostimolante, simile nella sua azione alle anfetamine, ampiamente diffuso nel regno vegetale. Presente nel cacao e nella cioccolata, migliora l'umore e l'attenzione oltre ad essere un "energetico".
E' un prodotto derivante dalla decarbossilazione dell'aminoacido fenilalanina. La PEA è prodotto in maggiore quantità quando si è innamorati e, per converso, una carenza (comune nei maniaco-depressivi) provoca una sensazione di infelicità.
Mentre nei soggetti non innamorati è pressoché assente, negli innamorati se ne trovano grandi quantità nel sangue e nell'urina.
Molti degli ormoni qui descritti condividono la stessa via biosintetica

Adrenalina
L'adrenalina deriva dal processamento della noradrenalina a sua volta derivante da tirosina e prima ancora dalla fenilalanina. La feniletilamina favorisce il rilascio di noradrenalina e dopamina e quindi stimola la respirazione, la frequenza cardiaca e il flusso di sangue; da qui gli effetti a valle fra i quali l'eccitazione sessuale e il piacere. Anche in questo caso il contatto visivo diretto ne aumenta il rilascio provocando la dilatazione della pupilla (tipicamente associato verso qualcosa che ci attrae).
L'adrenalina ti fa sentire eccitato ma anche nervoso. Non a caso e' alla base della classica risposta "fuggi o lotta".
Nelle prime fasi dell'innamoramento il corpo risponde allo stress aumentando i livelli ematici di adrenalina e di cortisolo (appunto l'ormone dello stress). Questo e' responsabile nell'innamorato/a della tipica sensazione di cuore frenetico, "farfalle nello stomaco" e la perdita dell'appetito.
Durante l'attività sessuale ulteriore adrenalina viene rilasciata dalle ghiandole surrenali. Insieme alla piu' importante prolattina, l'adrenalina e' responsabile del periodo di refrattarietà nell'uomo.

Noradrenalina
Come l'adrenalina, produce uno stato eccitato e il aumenta il battito cardiaco (come dopo una corsa). Alti livelli di dopamina si associano al rilascio di noradrenalina.

Endorfine
Le endorfine sono sostanze chimiche prodotte dal corpo (ghiandola pituitaria e ipotalamo) con funzioni di neurotrasmettitori e responsabili della sensazione di benessere. Ad esempio quella che si sperimenta dopo la corsa mattutina (questo spiega la dipendenza dei joggers dalla corsa). Si tratta di antidolorifici naturali che il corpo produce per ridurre lo stress. Possono indurre anche sensazioni di euforia e aumentare la fiducia.
La risata, il contatto fisico, il dolore, l'esercizio fisico, l'eccitamento, il mangiare cibi piccanti, il consumo di cioccolato, l'innamoramento e infine l'orgasmo favoriscono il rilascio di endorfine.
Come gli oppioidi ben insegnano, il rilascio continuato può creare una sorta di dipendenza.

Recettori degli androgeni
Al loro livello di espressione e' associata la sensibilità' agli ormoni sessuali.

Testosterone
Ormone sessuale maschile per antonomasia, prodotto tuttavia in entrambi i sessi (in misura ovviamente diversa).
Ha diversi scopi, ma per citarne alcuni, è un fattore importante sia per il desiderio sessuale maschile che per quello femminile. Facilita la congestione clitoridea e l'erezione del pene.
Bassi livelli di testosterone oltre ad essere causa dell'aumento del girovita maschile possono indurre irritabilità, minore focalizzazione nei pensieri, depressione e affaticamento.

Estrogeni
L'ormone sessuale femminile per definizione, prodotto in entrambi i sessi (molto di più nella donna in età riproduttiva). Oltre al suo ruolo nel ciclo, favorisce la lubrificazione femminile (e' quindi il benessere provato nel rapporto), l'ispessimento della parete vaginale etc


Mi sembrava giusto concludere con una lista semplificata degli attori in gioco. Un compendio minimale delle puntate da 1 a 4

FINE


(vedi su questo blog anche gli articoli "Sindrome del cuore spezzato" , "Le dimensioni contano?" e "geni giusti per un matrimonio felice").


__________________________


Link e note bibliografiche sull'argomento

The biochemistry of love: an oxytocin hypothesis 
   C. Sue Carter & Stephen W. Porges
  EMBO reports (2013) v. 14, pp. 12 -16

The neurobiology of love
   S. Zeki
   FEBS Letters 581 (2007) 2575–2579

The Science of Orgasm   Barry R. Komisaruk, Carlos Beyer-Flores, Beverly Whipple
   The Johns Hopkins University Press (2006) 

- The Common Neural Bases Between Sexual Desire and Love: A Multilevel Kernel Density fMRI Analysis
 Cacioppo S., J Sex Med 12;9:1048–1054 (2012)

e molti altri sia professionali (libri di testo universitari) che divulgativi (ad es. i libri di Desmond Morris, "Perche' amiamo" di Helen Fisher, etc)


Nessun commento:

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...