CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

KIC 12557548. Un pianeta che si vaporizza ad ogni orbita

Riproduzione artistica del pianeta KIC 12557548 che vaporizza (®NASA/JPL-Caltech)
A circa 1500 anni luce di distanza dalla Terra gli astronomi della NASA, nell'ambito del progetto Keplero, hanno identificato un pianeta grande pressapoco come Mercurio. A differenza di Mercurio però questo pianeta sta … evaporando.
Il metodo che ha permesso di effettuare questa osservazione è classico e consiste nell'analizzare la quantità di luce della stella che vediamo schermata, per unità di tempo, a causa del passaggio del pianeta.
Mentre nella maggior parte dei casi i valori sono paragonabili fra una osservazione e l'altra (ovvio visto che la massa del pianeta si suppone costante e lo stesso si può dire della luminosità della stella almeno in un dato periodo di tempo) nel caso del pianeta KIC 12557548 i dati presentavano anomalie.
Le variazioni di luminosità facevano pensare all'esistenza di una "coda" di polvere che seguiva il passaggio del pianeta di fronte (rispetto al nostro punto di osservazione) alla stella. E le variazioni di luminosità in coincidenza con questa coda variavano ad ogni passaggio.
Questi dati fanno ritenere agli astronomi che il pianeta sia così caldo che le rocce vaporizzano perdendo materia nello spazio. In linea molto approssimativa è quello che avviene nelle comete, anche in queste è il ghiaccio a sublimare, strappato poi via dalla superficie dall'azione del vento solare.
Le temperature sulla superficie del pianeta nella parte esposta alla stella è di circa 1800 gradi, una stima derivante dai valori minimi perchè la roccia fonda. L'ipotesi testata mediante simulazioni al computer ha riprodotto i dati di variazioni di luminosità, confermando così la teoria.
Ogni secondo che passa il pianeta perde nello spazio l'equivalente di 100 mila tonnellate di materia. A questo ritmo si volatilizzerà completamente in 100 milioni di anni (un niente in termini di vita di una stella).

Per articoli più recenti derivanti dalle osservazioni dell'osservatorio Keplero vedi:
un sistema planetario sbilanciato, qui;
un pianeta infernalmente caldo, qui

Link utili
  • NASA’s Kepler Detects Potential Evaporating Planet Candidate  (link al sito news della NASA)
  • Progetto Keplero (link)
  • MIT (link
  • Per articoli in questo blog sul tema, clicca sul tag esopianeti o qui.
  • Per articoli sui dati originati dal satellite Keplero, inserisci "keplero" nel box di ricerca in alto a destra

Nessun commento:

Posta un commento

Wikipedia bloccato in Turchia

Wikipedia bloccato in Turchia
Un'altra prova di quello che è la Turchia oggi e del pericolo che rappresenta per l'Europa e le sue libertà

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...