CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Sclerosi multipla: inibire il processo infiammatorio

La sclerosi multipla (MS) è una malattia degenerativa che sistema nervoso centrale in cui un processo infiammatorio fuori controllo porta alla distruzione progressiva della mielina. Un ruolo importante nella genesi della malattia sembra sia da attribuire ad una particolare classe di macrofagi localizzati nel cervello, noti come microglia, suddivisibili nelle sottoclassi funzionali M1 (pro-infiammatori) ed M2 (immunomodulatori). Facile intuire che l'attivazione aberrante delle M1 sia centrale nello sviluppo della malattia e che, al contrario, le M2, con la loro funzione modulante, possano essere utilizzati come strumenti  per limitare il decorso della MS.
In un articolo pubblicato in agosto su Immunity, Sarah C. Starossom e collaboratori hanno identificato la Galectin-1 (Gal1) come uno dei fattori che interferisce nel processo di attivazione delle M1. La Gal1 è una proteina che lega gli zuccheri esterni alle cellule, le M1 in particolare, e che porta all'innesco di cascata di eventi (ritenzione della fosfatasi CD45 sulla superficie cellulare ed inattivazione per defosforilazione di una serie di molecole segnale) che porta ad un sostanziale spegnimento del circuito locale pro-infiammatorio. Studi effettuati su modelli animali murini hanno mostrato che l'assenza di Gal1 induce danni neuronali, mentre la somministrazione di cellule M1 precedentemente trattate con Gal1 produce un effetto terapeutico, limitando l'attività infiammatoria in corso.
Una osservazione importante da portare avanti con altri studi.

Articoli precedenti sull'argomento

Articolo successivo sull'argomento
*** aggiornamento marzo 2016***

Rimanendo nell'ambito delle molecole naturali con azione anti-infiammatoria, uno studio svedese ha mostrato come l'assunzione di caffè in dosi medio-alte conferisce (al netto di problemi di altra natura) una protezione contro l'insorgenza della sclerosi multipla.
(High consumption of coffee is associated with decreased multiple sclerosis risk: results from two independent studies.
A.K. Hedström et al, Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry, 2016 )

Nessun commento:

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...