CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Una galassia lontana lontana nel tempo

Eh si. Oggi parliamo di una galassia lontana poco piu' di 13 miliardi di anni luce. Una enormità. Per rendere l'idea parliamo di una "istantanea" pervenuta a noi da un passato così lontano che è riconducibile a quando l'universo aveva "solo" 490 milioni di anni. Usando il classico paragone dell'orologio se i 13 miliardi di anni fossero una giornata di 24 ore noi saremmo alle 24:00:00 mentre questa immagine sarebbe stata scattata alle 00:54:27sec.
L'articolo con immagine dal passato, ottenuta nell'ambito del progetto "Cluster lensing and supernova survey with Hubble" (CLASH - qui il sito del progetto) è apparsa su Nature qualche giorno fa. L'articolo vede fra gli autori alcuni astronomi italiani degli osservatori di Bologna e di Trieste. Vediamone i dettagli.
L'osservazione della galassia ottenuta con i telescopi spaziali Hubble e Spitzer, e' stata possibile grazie al fenomeno della lente gravitazionale forte. In termini molto semplificati, i fotoni originati da galassie lontane vengono deviati dal campo gravitazionale di strutture cosmiche intermedie rispetto a noi (in questo caso l'ammasso galattico Macs 1149+2223) dando luogo ad un effetto "lente di ingrandimento". Questo effetto, predetto dalla teoria della Relativita' e' in grado di amplificare  di circa 15 volte la luce altrimenti debolissima. Un valore sufficiente perche' sia rilevata dai telescopi spaziali.
In basso a destra l'immagine della galassia lontano nel tempo (®NASA/ESA/STScI/JHU)

Una osservazione importante per gli astronomi che permetterà' loro di guardare all'universo nelle prime fasi dopo il big bang.

La scoperta fornirà nuove informazioni sulle prime fasi evolutive dell’Universo, un periodo da alcuni denominato Cosmic Dark Age. Un nome questo, oltre che suggestivo, pertinente essendo il cosmo in quel periodo immerso in nubi idrogeno neutro, in grado di assorbire ogni radiazione luminosa.



Link utili
- Articoli di Nature sull'argomento: aprile 2012; settembre 2012


- Spitzer Space Telescope Project, qui  

- Post precedente sul telescopio Spitzer, qui

- Immagini successive sull'argomento ottenute con Hubble, qui

Nessun commento:

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...