CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.

The Copyright Laws of the United States recognizes a “fair use” of copyrighted content. Section 107 of the U.S. Copyright Act states: “Notwithstanding the provisions of sections 106 and 106A, the fair use of a copyrighted work (...) for purposes such as criticism, comment, news reporting, teaching, scholarship, or research, is not an infringement of copyright.”
Any image or video posted is used according to the fair use policy
Ogni news è tratta da articoli peer reviewed ed è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto sia datato.
QUALUNQUE link in questa pagina rimanda a siti sicuri!! SEMPRE.
Volete aiutare questo blog? Cliccate sui prodotti venduti da Amazon (se non li vedete, disattivate l'Adblocker. Non ci sono pop up o script strani, solo Amazon). Se poi decidete di comprare libri o servizi da Amazon, meglio ;-)
Dimenticavo. Questo blog NON contiene olio di palma (è così di moda specificarlo per ogni cosa...)

Definito il valore esatto di 1 UA ... finalmente!

Senza squilli di trombe o rullar di tamburi nei giorni è stato ridefinito uno dei parametri più importanti nell'ambito delle misure astronomiche, l'Unità astronomica (UA).
Un esempio dell'utilizzo della misurazione in UA

L'unità di misuta UA corrisponde alla distanza fra Terra e Sole era stato fino ad ora numericamente mal definito. Nel senso che il concetto chiaro di distanza fra i due corpi celesti mal si conciliava con le caratteristiche orbitali. E' abbastanza ovvio che in un orbita ellittica la distanza fra i due corpi vari a seconda del momento in cui tale distanza viene misurata. Un problema molto serio quando queste variabili entrano a far parte dei calcoli degli astronomi.
 Ora, grazie all'accordo sui nuovi standard, si è deciso ufficialmente che 1 UA corrisponde a 149.597.870.700 metri, non un metro di più, non un metro di meno.
Certo, per noi comuni terrestri nulla cambierà ma per quella particolare specie terrestre che va sotto il nome di "astronomi" questo fatto significherà calcoli più rapidi e meno mal di testa.
Le problematiche incontrate (ed alcune nozioni storiche) nella definizione di questa misura sono ampiamente discussi nell'articolo di Nature, qui

Nessun commento:

Libro del mese

Libro del mese
Il mio primo libro di Hawking risale all'inizio degli anni '90, quando volevvo distrarmi dalla "mia" scienza leggendo altre materie. Da allora non ho mai smesso di leggerlo. Questo, ahime, è il suo ultimo

Eric Kandel, Nobel, divulgatore, neuroscienziato. Che altro? Scrive libri appassionanti