CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.

The Copyright Laws of the United States recognizes a “fair use” of copyrighted content. Section 107 of the U.S. Copyright Act states: “Notwithstanding the provisions of sections 106 and 106A, the fair use of a copyrighted work (...) for purposes such as criticism, comment, news reporting, teaching, scholarship, or research, is not an infringement of copyright.”
Any image or video posted is used according to the fair use policy
Ogni news è tratta da articoli peer reviewed ed è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto sia datato.
QUALUNQUE link in questa pagina rimanda a siti sicuri!! SEMPRE.
Volete aiutare questo blog? Cliccate sui prodotti venduti da Amazon (se non li vedete, disattivate l'Adblocker. Non ci sono pop up o script strani, solo Amazon). Se poi decidete di comprare libri o servizi da Amazon, meglio ;-)
Dimenticavo. Questo blog NON contiene olio di palma (è così di moda specificarlo per ogni cosa...)

L'Anatolia è la culla delle lingue indoeuropee?

Con il termine lingue indoeuropee si definisce una famiglia di lingue originate da un ceppo comune, anche se distanti geograficamente. Per intenderci al suo interno sono comprese la maggior parte delle lingue europee (tranne il finlandese, il basco e l'ungherese) e quelle della regione fra l'India e la Persia.
L'origine delle lingue indoeuropee è ampiamente dibattuta. Una ipotesi è che la matrice comune vada ricercata nelle tribu seminomadi che vagavano nelle steppe a nord del mar Caspio. Una teoria più recente afferma invece che l'origine sia in Anatolia e che da li si sia diffusa seguendo l'espansione della agricoltura tra i 7 e 10 mila anni fa.

Nel breve video che segue è schematizzato il processo di diffusione geografica della lingua.
Altre informazioni nell'articolo di Bouckaert et al. su Science (p. 957)

Nessun commento:

Libro del mese

Libro del mese
Il mio primo libro di Hawking risale all'inizio degli anni '90, quando volevvo distrarmi dalla "mia" scienza leggendo altre materie. Da allora non ho mai smesso di leggerlo. Questo, ahime, è il suo ultimo

Eric Kandel, Nobel, divulgatore, neuroscienziato. Che altro? Scrive libri appassionanti