CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Un gadget in grado di sterilizzare l'acqua prima di berla

Un dispositivo delle dimensioni di un francobollo potrebbe risolvere il problema della depurazione dell'acqua dai batteri.
(Jin Xie/Stanford University)
Qualcosa più di un gadget (utilissimo) da inserire nelle nostre borracce e nei kit da viaggio per prevenire i problemi della "maledizione di Montezuma", dato che potrebbe risolvere un problema sanitario importante laddove manchino i sistemi minimi di controllo sulla potabilità dell'acqua.
Ad oggi i sistemi "fai da te" si basano sulla bollitura (che richiede carburante) o sui raggi UV solari (che necessitano fino a 48 ore per mostrare un minimo di efficacia). 

Il nuovo dispositivo sviluppato dalla università di Stanford appare come un rettangolo di vetro nero contenente fini scaglie di disolfuro di molibdeno ricoperte da un sottile strato di rame. Questa combinazione di elementi permette di amplificare l'effetto degli UV ambientali (il 4% dell'energia solare che supera l'atmosfera) portandoli al 50% dell’energia incidente. 
E' sufficiente immergere la barretta in acqua ed esporlo al sole e "in automatico" la luce innescherà la formazione di sostanze come il perossido di idrogeno capaci di uccidere i batteri in pochi minuti.

Nei test condotti il dispositivo si è dimostrato capace di uccidere il 99,99 % dei batteri in 20 minuti "potabilizzando" di fatto l'acqua. Importante precisare che si tratta di test condotti in laboratorio e che la sterilizzazione non ha efficacia contro alcune tossine che permangono nell'ambiente anche dopo che il batterio è morto (ad esempio la tossina del botulino) o contro inquinanti di altro tipo (industriali, minerari, etc).
Il dispositivo è costituito da nanostrutture permettendo così di massimizzare la superficie "reattiva" e la velocità di sterilizzazione. Sottili scaglie di disolfuro di molibdeno sono posizionati sulla superficie di vetro e quindi ricoperti da un sottile strato di rame. La luce solare quando colpisce le pareti innesca la formazione di perossido di idrogeno (alias acqua ossigenata) e altri radicali liberi dell'ossigeno con potenze azione biocida. (image credit: C. Liu et al., Nature Nanotechnology via stanford.edu)
-  SLAC, Stanford Gadget Grabs More Solar Energy to Disinfect Water Faster
Stanford University, news

- Rapid water disinfection using vertically aligned MoS2 nanofilms and visible light
Chong Liu et al, (2016) Nature Nanotechnology


Nessun commento:

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...