CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.

The Copyright Laws of the United States recognizes a “fair use” of copyrighted content. Section 107 of the U.S. Copyright Act states: “Notwithstanding the provisions of sections 106 and 106A, the fair use of a copyrighted work (...) for purposes such as criticism, comment, news reporting, teaching, scholarship, or research, is not an infringement of copyright.”
Any image or video posted is used according to the fair use policy
Le notizie sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato.
Ho disabilitato la pubblicità creata da Google attraverso adsense in quanto inutile e fastidiosa per chi legge.
Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci tematici di Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di comprare libri o servizi da Amazon, meglio ;-)
Dimenticavo. Questo blog NON contiene olio di palma (è così di moda specificarlo per ogni cosa...)

Progetto "piante lumininescenti". Illumina la casa con una lampada vivente

Cresci la tua personale luce vivente

 Ti piacerebbe la sera leggere i libri alla luce di una pianta? Una possibilità non così remotamente proiettata nel futuro. 
Funghi fluorescenti del Borneo
Luis Morgado)
credit: newatlas
Chiunque abbia una minima base di biologia molecolare e biotecnologia sa che da anni sono disponibili semplici tecniche di ingegneria genetica che permettono di fare codificare ad un organismo bersaglio (siano esse cellule in coltura o organismi interi) delle proteine fluorescenti. Si tratta di proteine presenti in natura (ad esempio in medusa, pomodoro, funghi, etc) che eccitate con luce di una particolare lunghezza d'onda emettono luce a lunghezza d'onda superiore. Questo è il fenomeno della fluorescenza.
Altri tipi di proteine come la luciferasi (prodotta dalla lucciola) emettono luce mediante bioluminescenza, un termine che indica la capacità di queste proteine di trasformare chimicamente un prodotto di partenza "inattivo" in un prodotto luminescente (che non ha bisogno di luce per emetterne di propria).

I geni codificanti queste proteine hanno molteplici utilizzi nella ricerca, fra cui:
  • seguire l'espressione di una proteina "taggata", prodotta in cellule/condizioni specifiche. In quali cellule e in quali condizioni dipende dal tipo di promotore usato.
  • seguire una popolazione di cellule/proteine fluorescenti nell'organismo
  • quantificare l'attivazione di specifici pathway metabolici.
  • analizzare le cellule di interesse mediante il microscopio a fluorescenza.
  • separare le cellule di interesse mediante tecniche quali il FACS.
  • etc

Data la tecnologia e le conoscenze disponibili, qualcuno ha pensato di fare qualcosa di diverso associando il piacere di avere una pianta in casa con il risparmio della bolletta elettrica.
Antony Evans, membro del "Glowing Plant Project" ha usato tecniche standard per inserire nelle cellule di Arabidopsis thaliana (una pianta erbacea molto usata in laboratorio) geni codificanti per proteine bioluminescenti. Il risultato è la pianta mostrata nella figura sotto
Arabidopsis thaliana bioluminescente

Piante del genere (ma anche batteri modificati) potrebbero in un futuro prossimo essere addirittura usate per illuminare strade, risolvendo così gran parte dei problemi energetici di base.
Per il momento, fino a che non sarà migliorata la resa di luce, se si risiede in USA è possibile contribuire alla ricerca attraverso il crowdfunding finanziando il progetto con 40 dollari. Oltre a diventare soci si riceveranno i semi della pianta modificata. Che è una pianta da casa uguale in tutto a tutte le altre. A parte che emette luce.
Come accennato sopra nel frattempo a Cambridge altri ricercatori progettano lampade luminescenti a batteri (link a fondo pagina). 
Batteri luminescenti
Anche in questo caso niente di nuovo per chi lavora in laboratorio; ma il vivace spirito imprenditoriale anglosassone è sempre sorprendente.

(per articoli precedenti sull'argomento clicca su "piante fluorescenti" o "batteri al neon")

Altre informazioni su
- Per finanziare il progetto e avere informazioni specifiche, qui
- Lampade a batteri luminescenti, qui


Nessun commento:

Biglietto musical + cofanetto limited edition

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...

Io amo i musical. E voi?

Ideale per la cameretta