CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

I pianeti di Keplero e le orbite "caotiche"

Potrà sembrare strano ma le orbite dei pianeti del sistema solare sono caotiche.
In termini matematici questo vuole dire che oltre una certa scala temporale, anche noto come Tempo di Lyapunov, la loro traiettoria è imprevedibile. Ovviamente non si tratta di un valore standard, altrimenti sarebbe chiamato costante di Lyapunov; dipende dalle variabili presenti in ciascun sistema stellare come numero di pianeti, dimensione, etc. Nel caso del sistema solare il tempo di Lyapunov è pari a 5 milioni di anni; oltre questo intervallo (un tempo cosmologicamente irrisorio) non possiamo predire la posizione relativa dei pianeti.
Come apparirebbe Keplero-c da Keplero-b
(David Aguilar, Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics)
Un articolo pubblicato su Astrophysical Journal da Katherine Deck e collaboratori contiene una osservazione interessante. Il Tempo di Lyapunov per due pianeti del sistema di Keplero-36 è inferiore a 10 anni!! Gli unici altri due esempi noti di orbite con un tempo così breve (o così imprevedibili) riguardano due delle lune di Saturno, Prometeo e Pandora.
Tornando al sistema di Keplero-36, una stella di massa simile al Sole, i due pianeti "caotici" (Keplero-b e Keplero-c) hanno masse pari a 4 e 8 volte quella terrestre e sono fra loro così vicini che ad un ipotetico abitante sul pianeta più piccolo, l'altro pianeta sembrerebbe grande 3 volte la nostra luna piena. Orbitano attorno a Keplero-36 a una distanza di 11-12 milioni di miglia (circa 5 volte più vicino alla stella di quanto sia Mercurio al Sole) in circa 15 giorni.
Fatte queste considerazioni non stupisce come l'azione gravitazionale tra i due pianeti sommata all'azione di Keplero-36 produca un orbita la cui evoluzione anche a tempi brevi è difficilmente prevedibile.


Le osservazioni compiute dalla sonda Keplero sono talmente tante da avere saturato la capacità analitica dei ricercatori che si devono limitare ai casi più promettenti. C'è un modo per contribuire a questa ricerca anche per chi astrofisico non è. Si puo' dedicare un po' del proprio tempo per aiutare ad analizzare i dati presenti. Il modo è descritto nel sito  Planet Hunters; il nome dice tutto. Buon divertimento e grazie per la collaborazione.
_____________________________

Articoli simili sul blog
nuove prospettive
in una galassia lontanain una galassia lontana

Articolo di riferimento

Rapid dynamical chaos in an exoplanetary system, Astrophys. J. 755, L21 (2012), link
Sito NASA: descrizione del progetto Keplero (ricerca di pianeti simili alla Terrra), link

Nessun commento:

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...