CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Diabete. Nel dedifferenziamento una nuova spiegazione e una possibilità nuova di cura

Partiamo da un punto fermo: il diabete insulino dipendente è una conseguenza della progressiva perdita di funzionalità pancreatica.

Non appena però ci allontaniamo da questo assioma entriamo nell'alveo delle possibilità. Se ci chiedessimo quale è la causa di tale malfunzionamento le ipotesi sarebbero varie. Una fra queste associa la componente autoimmunitaria della malattia, che porta alla distruzione delle cellule beta pancreatiche, con un agente primario di tipo virale che favorirebbe uno stato infiammatorio cronico e, nei soggetti geneticamente predisposti, una risposta immunitaria aberrante diretta contro il self (le proprie cellule).
 E' anche vero però che nel diabete dell'adulto la componente autoimmunitaria è trascurabile ed il deficit pancreatico compare solo nelle fasi tardive della malattia. La spiegazione ora in auge afferma che il deficit pancreatico sia dovuto ad apoptosi delle cellule beta. Ora uno studio del team di Domenico Accili della Columbia University pubblicato su Cell (link) introduce un elemento di novità: le cellule beta scompaiono non (o non solo) perchè muoiono ma soprattutto perchè si dedifferenziano. Una scoperta molto importante. Se infatti alla morte cellulare ci sono pochi rimedi, ad esempio il trapianto, il dedifferenziamento potrebbe essere, in teoria, invertito con trattamenti opportuni.

Un'arma, in un prossimo futuro, per la cura del diabete (e non solo per il trattamento sintomatico).

Qui sotto il video dell'intervista associata all'articolo


Nessun commento:

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...