CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.

The Copyright Laws of the United States recognizes a “fair use” of copyrighted content. Section 107 of the U.S. Copyright Act states: “Notwithstanding the provisions of sections 106 and 106A, the fair use of a copyrighted work (...) for purposes such as criticism, comment, news reporting, teaching, scholarship, or research, is not an infringement of copyright.”
Any image or video posted is used according to the fair use policy
Ogni news è tratta da articoli peer reviewed ed è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto sia datato.
QUALUNQUE link in questa pagina rimanda a siti sicuri!! SEMPRE.
Volete aiutare questo blog? Cliccate sui prodotti venduti da Amazon (se non li vedete, disattivate l'Adblocker. Non ci sono pop up o script strani, solo Amazon). Se poi decidete di comprare libri o servizi da Amazon, meglio ;-)
Dimenticavo. Questo blog NON contiene olio di palma (è così di moda specificarlo per ogni cosa...)

Scoperto il fossile di un verme gigante. Estinto (o quasi) oggi.

Amazon
Chi ha amato il film Tremors, oggi un vero e proprio cult-movie, non potrà che provare un brivido lungo la schiena al pensiero del ritrovamento dei resti di un verme preistorico dotato di fauci e lungo fino a 3 metri.
Al contrario di quello cinematografico che prediligeva le zone desertiche del Nord America, questo bazzicava i fondali marini ed era con ogni probabilità un lontano parente del verme di Bobbit.
Curioso nome non è vero? Il nome dato a questo policheto è legato alle caratteristiche "a forbice" delle mascelle, da cui il rimando al caso Bobbit che occupò le pagine dei giornali qualche anno fa. Si tratta di invertebrati che vivono sui fondali sabbiosi da cui emerge solo la testa pronta a catturare l'incauto pesce di passaggio (vedi video sotto).
Video completo su --> Wired/Youtube
La scoperta è stata fatta da ricercatori della università di Lund durante l'analisi di alcune rocce sedimentarie vecchie 400 milioni di anni, conservate presso il  Royal Ontario Museum di Toronto. I risultati, pubblicati sulla rivista Scientific Reports, riportano l'aspetto dell'animale, chiamato Websteroprion armstrongi, ricostruito dai resti delle mascelle e di poco altro altro (la natura "molle" di questi invertebrati è "nemica" della conservazione fossile). Dalla comparazione delle dimensioni delle mascelle con quelle di alcuni vermi attuali si è dedotto che questa bestiolina dovesse avere una lunghezza di circa 3 metri; sebbene alcuni esemplari attuali possono raggiungere lunghezze simili, la loro dimensione non è paragonabile a quella che doveva avere il fossile.

credit: James Ormiston

L'aspetto più interessante della scoperta è che il gigantismo esisteva già 400 milioni di anni fa.
Il gigantismo è un fenomeno che compare in alcune fasi dell'evoluzione quando si ha una convergenza tra la disponibilità del cibo e il vantaggio competitivo legato alle dimensioni. Il gigantismo è incompatibile quindi con il vivere in aree geografiche ristrette (le isole) in quanto la  penuria di cibo che ne scaturirebbe favorirebbe nell'arco di poche generazioni la sopravvivenza dei soli individui "nani". Ricordatevene la prossima volta che vedrete un film in cui si parla di isole remote in cui sono sopravvissuti animali giganteschi. In questi luoghi remoti la flora e fauna hanno dimensioni ben più ridotte come descritto nel precedente articolo --> "Tepui. Le terre dimenticate dal tempo".
Al mutare delle condizioni ambientali quelli che un tempo erano vantaggi possono trasformarsi in svantaggi come ben evidenziato dalla riduzione delle dimensioni medie degli animali odierni rispetto, ad esempio, alla flora e fauna presenti nel passato.
I resti fossili della "mandibola" di Websteroprion armstrongi


Fonte
- Earth’s oldest ‘Bobbit worm’ – gigantism in a Devonian eunicidan polychaete
Mats E. Eriksson et al, Scientific Reports 7, Article number: 43061 (2017)


Nessun commento:

Libro del mese

Libro del mese
Il mio primo libro di Hawking risale all'inizio degli anni '90, quando volevvo distrarmi dalla "mia" scienza leggendo altre materie. Da allora non ho mai smesso di leggerlo. Questo, ahime, è il suo ultimo

Eric Kandel, Nobel, divulgatore, neuroscienziato. Che altro? Scrive libri appassionanti