CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Plutone. Siamo a - 2 settimane

Ci siamo quasi.
Mancano due settimane all'appuntamento con Plutone. Un corteggiamento iniziato nel 2006 con il lancio della sonda New Horizons.
Plutone e la sua luna più grande, Caronte visti dalla sonda il  29 giugno quando era distante 18 milioni di km. Credit: space.com / NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute
Dal momento in cui è stata scattata la foto la sonda si è già avvicinata a 16 milioni di chilometri e con l'avvicinamento la qualità delle immagini è in costante miglioramento (confrontate quelle altamente pixellate disponibili solo poche settimane fa --> QUI per il resoconto della missione).
Data la distanza sono necessarie circa 4,5 ore perché il segnale inviato dal centro di controllo sulla Terra arrivi a destinazione (4,8 miliardi chilometri!!). Questo implica che ogni comando inviato deve tenere conto della distanza a cui si troverà la sonda quando riceverà il messaggio in modo da non puntare l'obiettivo del Long Range Reconnaissance Imager verso il vuoto.
Ora inizia la fase critica.
Come descritto in precedenza, l'avvicinamento porterà la sonda in una zona "sporca" (tipica di ogni planetoide) dove il rischio di collisione con oggetti imprevisti aumenta sensibilmente.
Questo è il motivo per cui in questi ultimi giorni gli astronomi continueranno ad analizzare i dati provenienti da New Horizons allo scopo di individuare per tempo le zone ad alto rischio e correggere la rotta (continua QUI).


--> vedi QUI per le notizie aggiornate

Nessun commento:

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...