CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Identificare l'autismo dallo sguardo dei neonati?

Identificare l'autismo dallo sguardo dei neonati? Uno studio americano pensa sia possibile.
 
I bambini autistici mostrano già nei primissimi mesi di vita una minore propensione a stabilire un contatto visivo con le persone con cui entrano in contatto. Questo è quanto emerge da uno studio preliminare pubblicato nelle scorse settimane sulla rivista Nature da Warren Jones, direttore del  Marcus Autism Center di Atlanta.
Se il dato verrà confermato da uno studio epidemiologico più ampio, vorrà dire avere a disposizione uno strumento per la diagnosi precoce dell'autismo, una malattia estremamente eterogenea e ad eziologia praticamente ignota. La definizione più corretta della malattia è non a caso Autism Spectrum Disorder (ASD).
Diagnosi precoce vuole dire attivare il prima possibile un percorso mirato a facilitare "l'uscita dal guscio emozionale" in cui questi bambini si trovano. Non si tratta, ovviamente di guarire ma di minimizzare i problemi che ogni persona autistica (e la sua famiglia) dovrà  affrontare crescendo, facilitando la loro capacità di comunicare (e di essere compresi).

Il team di Jones ha seguito 110 bambini dal momento della nascita fino al secondo anno di età. 59 di questi erano soggetti "a rischio" in quanto avevano un fratello (ricordo che nella maggior parte dei casi la malattia colpisce i maschi) affetto, mentre i restanti erano i controlli, cioè bambini appartenenti a famiglie senza casi pregressi. Un numero di bambini non molto alto ma idoneo per uno studio preliminare considerando che la frequenza dell'ASD nella popolazione è di 1 su 88 (altri dettagli qui).
Durante il periodo dello studio i bambini sono stati visitati circa 10 volte ad intervalli regolari. I test comportamenti consistevano nel mostrare loro video di persone seguendo con particolari strumenti la direzione dello sguardo. "I bambini nascono una forte predisposizione innata per il contatto visivo", afferma Jones. "Soprattutto i più piccoli tendono a focalizzarsi sugli occhi di chi osservano, molto di più che verso altre parti del volto".
Tra i bambini seguiti tredici, diagnosticati successivamente come autistici, mostravano delle anomalie nel test visivo. Dodici di questi bambini appartenevano al gruppo "a rischio".
I risultati del test sono diversi a seconda dell'arco temporale considerato. Mentre nei primi due mesi di vita il "comportamento visivo" è uguale tra autistici e non, dal secondo mese in avanti (ed entro il sesto mese) si assiste ad un costante decremento nei bambini autistici nella capacità di (l'interesse a) fissare gli occhi del soggetto mostrato nel video.
I ricercatori invero si aspettavano delle differenze marcate fin dalla nascita e non dal secondo mese. Tuttavia il dato mostrato, preliminare, è molto importante in quanto permette di iniziare fin da subito una terapia atta a favorire dei miglioramenti quando ancora il cervello è al massimo della sua plasticità. Uno dei problemi della ASD è che, data l'estrema eterogeneità dei sintomi, la diagnosi può arrivare anche dopo alcuni anni quando la capacità di "recupero" del bambino è fortemente compromessa. Iniziare il prima possibile è quindi l'unica strategia utile.

Jones tuttavia invita, saggiamente, alla cautela, "aspettiamo che vengano ultimati gli studi su un campione di bambini molto maggiore". Ovvia precisazione, ma nel frattempo si può cominiciare a prendere atto dell'esistenza di questo possibile strumento diagnostico.

(Articoli precedenti in questo blog sul tema autismo qui e qui)

Fonti
- Attention to eyes is present but in decline in 2–6-month-old infants later diagnosed with autism.
 Warren Jones & Ami Klin. Nature (Novembre 2013), doi:10.1038/nature12715


Nessun commento:

Posta un commento

Wikipedia bloccato in Turchia

Wikipedia bloccato in Turchia
Un'altra prova di quello che è la Turchia oggi e del pericolo che rappresenta per l'Europa e le sue libertà

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...