CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.

The Copyright Laws of the United States recognizes a “fair use” of copyrighted content. Section 107 of the U.S. Copyright Act states: “Notwithstanding the provisions of sections 106 and 106A, the fair use of a copyrighted work (...) for purposes such as criticism, comment, news reporting, teaching, scholarship, or research, is not an infringement of copyright.”
Any image or video posted is used according to the fair use policy
Le notizie sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate per essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato.
Ho disabilitato la pubblicità creata da Google attraverso adsense in quanto inutile e fastidiosa per chi legge.
Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci tematici di Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di comprare libri o servizi da Amazon, meglio ;-)
Dimenticavo. Questo blog NON contiene olio di palma (è così di moda specificarlo per ogni cosa...)

Tre notizie comparse a breve distanza l'una dall'altra mi hanno incuriosito. Pur non essendo tra loro legate, lo sono per l'agente causale e la malattia che sottintendono: neurodegenerazione da prioni  o sindrome di  Creutzfeldt-Jakob o, usando termini comuni, sindrome della mucca pazza.

Una prima notizia riportata dalla emittente televisivva ABC riferisce della morte di una donna californiana e della malattia di un'altra persona. Le autorità sanitarie non possono al momento escludere ne l'esistenza di un legame fra i due casi ne che siano semplici eventi sporadici.

La seconda notizia si riferisce ad un articolo pubblicato sulla prestigiosa rivista PNAS in cui si riporta la scoperta da parte di ricercatori americani dello Scripps Research Institute di una variante della proteina prionica (alla base della malattia) che è 10 volte piu tossica di quelle note.

Infine un articolo pubblicato su Science nel gennaio 2012 da un gruppo francese, analizza più in dettaglio le modalità di trasmissione inter-specie della proteina prionica mutata. Di particolare interesse il fatto che sia il tessuto linfoide e non quello cerebrale la via di entrata favorita, non tanto per maggiori facilità di contatto quanto per una maggiore permissività all'infezione. Un dato questo, interessante in quanto potrebbe fornire degli spunti per sviluppare terapie precoci, prima che il prione raggiunga il cervello.

Il segnale che la lettura di questi tre fornisce è che molto c'è ancora da capire sulla biologia dei prioni e che questa malattia, sebbene in un certo senso passata di moda grazie anche ad i maggiori controlli, non sia affatto un problema risolto

Nessun commento:

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...

Il mio musical preferito e prodotti che uso per i miei amati Mac