CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Dai ghiacciai in ritirata emergono piante tardomedievali

Il ritiro dei ghiacciai e il risveglio di piante vecchie di 400 anni. Dopo il precedente articolo sui virus "giganti" vecchi di 40 mila trovati in Siberia (e ancora attivi) ecco una nuova puntata sull'ecosistema artico "nascosto".


Catherine La Farge, una ricercatrice canadese della università di Alberta ha scoperto che alcune delle piante della famiglia delle briofite (ad esempio i muschi) che compaiono sui terreni lasciati liberi dai ghiacciai in fase di ritiro non sono originate dalla colonizzazione di piante contemporanee (come finora creduto) ma sono il prodotto di un "letargo" incredibilmente lungo.
Dal ghiacciaio in ritiro emergono le briofite (scure)
(©C.La Farge/Le Scienze)

La scoperta, possibile grazie alla datazione con il carbonio radioattivo, ha permesso di osservare che le piante avevano una età tra i 400 e i 600 anni; una età non casuale dato che posiziona il momento della "ibernazione" alla cosiddetta Piccola Era Glaciale, avvenuta tra il 1550 e il 1850.
Dei 24 campioni prelevati sotto il ghiacciaio, e datati "vecchi" al radiocarbonio, sette hanno generato piante vitali una volta coltivati in laboratorio.

Era noto che le briofite erano piante resistenti, in grado di rimanere dormienti per molti anni in ambienti estremi come i deserti. Quello che nessuno si aspettava era che riuscissero a mantenersi "attivabili" per 400 anni sotto un ghiacciaio.
Non è un caso allora se queste piante abbiano saputo superare innumerevoli avversità ambientali (glaciazioni, molteplici estinzioni globali, meteoriti, ...) dal momento della loro comparsa 400 milioni di anni fa. Il motore interno in grado di farle superare ogni avversità è associato alla enorme flessibilità delle loro cellule, in grado di riprogrammarsi, se necessario, ed avviare lo sviluppo di una nuova pianta. Come se da un nostro dito potesse in caso di amputazione rigenerarsi l'intero corpo. Una capacità che altro non è che la staminalità applicata al regno vegetale.
Se le briofite sono così resistenti, dovrà essere ripensato il contributo di queste piante all'intero ecosistema delle zone polari. Lo scongelamento del permafrost che procede inesorabile anno dopo anno rende questa scoperta di estrema

Articoli di interesse su argomenti correlati: virus gigante isolato dalle nevi siberiane (qui), estinzione della megafauna australiana (qui), il Sahara lussureggiante di 5 mila anni fa (qui), cammelli giganti in Alaska (qui)

Fonti
- Regeneration of Little Ice Age bryophytes emerging from a polar glacier with implications of totipotency in extreme environments
Proc Natl Acad Sci U S A. 2013 Jun 11;110(24):9839-44

-  400-year-old plants reawaken as glaciers recede
University of Alberta, news

- Essi vivono: "resuscitano" muschi di oltre 400 anni fa
National Geographic, 2013

Nessun commento:

Posta un commento

Wikipedia bloccato in Turchia

Wikipedia bloccato in Turchia
Un'altra prova di quello che è la Turchia oggi e del pericolo che rappresenta per l'Europa e le sue libertà

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...