CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.

The Copyright Laws of the United States recognizes a “fair use” of copyrighted content. Section 107 of the U.S. Copyright Act states: “Notwithstanding the provisions of sections 106 and 106A, the fair use of a copyrighted work (...) for purposes such as criticism, comment, news reporting, teaching, scholarship, or research, is not an infringement of copyright.”
Any image or video posted is used according to the fair use policy
Le notizie sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato.
Ho disabilitato la pubblicità creata da Google attraverso adsense in quanto inutile e fastidiosa per chi legge.
Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci tematici di Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di comprare libri o servizi da Amazon, meglio ;-)
Dimenticavo. Questo blog NON contiene olio di palma (è così di moda specificarlo per ogni cosa...)

Gli ultimi istanti di una cometa sul Sole

Le osservazioni di comete che passano molto vicine al Sole sono eccezionalmente difficili non solo a causa della luminosità solare ma, soprattutto, perchè difficilmente sopravvivono all'irraggiamento solare abbastanza a lungo da penetrare nella corona. Un evento del genere, a parte per l'evento spettacolare in se, è di interesse scientifico in quanto fornisce informazioni sull'atmosfera e sul campo magnetico solare oltre che sulla composizione della cometa. 
Un evento del genere osservato il 6 luglio 2011 dal il Solar Dynamics Observatory (SDO) ha visto la scomparsa della cometa C/2011 N3 ​​(SOHO) all'interno della corona solare. L'osservazione, avvenuta usando cinque bande di lunghezza d'onda nell'ultravioletto estremo (EUV), è disponibile in un articolo di Schrijver e collaboratori sul numero di Science (20 Gennaio 2012). 
Da questo articolo si evince che la cometa è penetrata  per circa 100 mila chilometri oltre la superficie solare (ovvio che il concetto di superficie in una stella o anche in un gigante gassoso sia alquanto diverso dalla nostra idea standard), prima della scomparsa del segnale EUV 
Durante gli ultimi 10 minuti di osservazione, ed in corrispondenza dell'entrata nella corona, una quantità di materia della cometa, pari a circa 1 milione di Kg, è stato perso. Gli autori affermano che questo sia una evidenza che il nucleo si sia frammentato in una serie di frammenti, evento che ha accelerato a sua volta il processo di sublimazione dovuto all'intenso campo radiante solare.

Di elevato interesse è il video ricostruito in cui si può osservare (guardate il cerchietto subito prima dell'entrata nella corona) gli ultimi momenti prima della sublimazione della cometa.

Nessun commento:

Biglietto musical + cofanetto limited edition

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...

Il mio musical preferito e un SSD economico ma che funziona perfino sugli esigentissimi Mac!!