CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.

The Copyright Laws of the United States recognizes a “fair use” of copyrighted content. Section 107 of the U.S. Copyright Act states: “Notwithstanding the provisions of sections 106 and 106A, the fair use of a copyrighted work (...) for purposes such as criticism, comment, news reporting, teaching, scholarship, or research, is not an infringement of copyright.”
Any image or video posted is used according to the fair use policy
Ogni news è tratta da articoli peer reviewed ed è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto sia datato.
QUALUNQUE link in questa pagina rimanda a siti sicuri!! SEMPRE.
Volete aiutare questo blog? Cliccate sui prodotti venduti da Amazon (se non li vedete, disattivate l'Adblocker. Non ci sono pop up o script strani, solo Amazon). Se poi decidete di comprare libri o servizi da Amazon, meglio ;-)
Dimenticavo. Questo blog NON contiene olio di palma (è così di moda specificarlo per ogni cosa...)

La madre fuma ... e il feto risponde

Se l'articolo precedente metteva in risalto i deleteri effetti del fumo sul DNA maschile, l'effetto sulle donne gravide è ancora più evidente

Il feto non apprezza - e lo mostra - la madre che fuma. 
La conferma viene grazie alla possibilità di catturare immagini in HD del feto in modo assolutamente non invasivo.

Fumare durante la gravidanza non è una cosa saggia. Nessuno oggi può nascondersi dietro la scusa di non saperlo. Ma se fino ad oggi per ottenere i dati sull'effetto del fumo sulla progenie era necessario basarsi su osservazioni post-natali (ulteriori dettagli --> qui) la ricerca di cui parlo oggi mostra chiaramente la reazione LIVE del feto al fumo materno.
(drprem.com)
Lo studio, condotto da ricercatori inglesi dell'università di Lancaster e pubblicato sulla rivista Acta Paediatrica, mostra attraverso ecografie in 4D (vale a dire 3D più movimento) che i feti le cui madri erano fumatrici mostravano un tasso significativamente più alto di movimenti della bocca rispetto a quanto mediamente osservato nei feti di madri non fumatrici.

I ricercatori ipotizzano che alla base di questi movimenti eccessivi vi sia un anomalo sviluppo del sistema nervoso centrale associato all'esposizione al fumo, dalla cui funzionalità dipendono sia i movimenti corporei che quelli del volto. Un dato che va a rafforzare quanto scoperto in studi precedenti, cioè una ritardata capacità di elaborazione vocale di neonati di madri fumatrici.
Quattro delle madri monitorate fumavano in media 14 sigarette al giorno, mentre le restanti sedici erano non fumatrici. Alla nascita tutti i bambini sono stati valutati clinicamente sani (una valutazione necessaria per evitare di alterare i risultati dello studio gestazionale con dati ottenuti da bambini con altre patologie).
I ricercatori hanno osservato 80 ecografie in 4D prese da 20 feti, centrate sul movimento del volto e sul movimento delle mani a toccare il volto. Le scansioni sono state effettuate in 4 momenti diversi nel periodo compreso tra la 24ma e la 36ma settimana di gravidanza.
Le maggiori differenze sono state osservate nel movimento facciale mentre meno significativi sono le differenze dei movimenti delle mani.
I dati suggeriscono che l'esposizione alla nicotina ha un effetto su alcuni movimenti fetali oltre a quanto già si sapeva su fertilità, diabete, obesità ed ipertensione.

Dato il basso numero di soggetti coinvolti lo studio pubblicato deve essere considerato uno studio pilota.

Articoli sullo stesso tema in questo blog 



Fonti
- Long-Term Consequences of Fetal and Neonatal Nicotine Exposure: A Critical Review
JE Bruin et al, Toxicol Sci. 2010 Aug;116(2):364-74
- Ultrasound observations of subtle movements: a pilot study comparing foetuses of smoking and nonsmoking mothers
N. Reissland Acta Paediatr. 2015 Jun;104(6):596-603

Nessun commento:

Libro del mese

Libro del mese
Il mio primo libro di Hawking risale all'inizio degli anni '90, quando volevvo distrarmi dalla "mia" scienza leggendo altre materie. Da allora non ho mai smesso di leggerlo. Questo, ahime, è il suo ultimo

Eric Kandel, Nobel, divulgatore, neuroscienziato. Che altro? Scrive libri appassionanti