CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Gravidanza. Esiste un legame tra parto e invecchiamento?

Riprodursi fa invecchiare precocemente?
Un quesito apparentemente strano alla cui risposta si è però dedicato un team di antropologi della università di Yale.
Per quale motivo l'espletamento di una funzione naturale come la riproduzione (fondamento primo di ogni essere vivente, pena l'estinzione di quel dato patrimonio genico) dovrebbe tradursi in un "effetto collaterale" spiacevole come l'invecchiamento precoce?
Ragionando in termini prettamente evolutivi, l'esistenza di una tale correlazione non è "illogica" in quanto l'elevato investimento di risorse che una femmina di mammifero riserva alla procreazione (tra fase gestazionale e neonatale) sarebbe pienamente giustificato anche se questo implicasse uno stress dannoso per la madre. La sopravvivenza della prole, specialmente se numericamente limitata, è alla base stessa della fitness riproduttiva; ad essere anomalo semmai è l'essere umano in cui la femmina passa una parte consistente della propria vita privata della capacità riproduttiva (menopausa); le femmine degli altri mammiferi rimangono fertili fino alla morte, massimizzando così la propria discendenza.

Quali sono le evidenze scientifiche dell'esistenza di uno "stress" post-riproduttivo?
I ricercatori hanno analizzato 100 donne, post-menopausali e residenti in aree rurali della Polonia, per la presenza di biomarcatori associati con l'invecchiamento. Ciò che è emerso è che le donne che avevano avuto più gravidanze (ivi compresi i tempi di allattamento) mostravano una maggior frequenza relativa di tali marcatori. In particolare, le donne che avevano avuto almeno quattro gravidanze avevano valori di 8-OHdG (indicatore di danno ossidativo del DNA) e di Cu-Zn SOD (enzima attivato in seguito a stress ossidativo) superiori del 20% e del 60%. rispettivamente. Dati simili sono stati precedentemente osservati in altri mammiferi ma questa è la prima conferma ottenuta negli umani.
Possiamo quindi affermare che procreare aumenta lo stress ossidativo.
Ma ne vale la pena.

Articolo successivo sul tema --> "Fare figli allunga la vita?"


Fonte
- Evidence for the Cost of Reproduction in Humans: High Lifetime Reproductive Effort Is Associated with Greater Oxidative Stress in Post-Menopausal Women
Anna Ziomkiewicz et al, PLoS One (2016), 11(1)

-  Research in the news: Study links childbearing to accelerated aging
YaleNews


Nessun commento:

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...