CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.

The Copyright Laws of the United States recognizes a “fair use” of copyrighted content. Section 107 of the U.S. Copyright Act states: “Notwithstanding the provisions of sections 106 and 106A, the fair use of a copyrighted work (...) for purposes such as criticism, comment, news reporting, teaching, scholarship, or research, is not an infringement of copyright.”
Any image or video posted is used according to the fair use policy
Le notizie sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato.
Ho disabilitato la pubblicità creata da Google attraverso adsense in quanto inutile e fastidiosa per chi legge.
Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci tematici di Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di comprare libri o servizi da Amazon, meglio ;-)
Dimenticavo. Questo blog NON contiene olio di palma (è così di moda specificarlo per ogni cosa...)

Ultrasuoni e terapia dell'Alzheimer

Ricercatori australiani hanno scoperto che la tecnologia ad ultrasuoni, un approccio assolutamente non invasivo, potrebbe essere un utile strumento terapeutico nel trattare una malattia come l'Alzheimer priva ad oggi di ogni valida terapia. E' bene sottolineare che l'utilità potenziale di questi trattamenti è di solo mantenimento dello status quo, bloccando il più a lungo possibile i processi neurodegenerativi.

La scoperta nasce dall'osservazione che gli ultrasuoni sono in grado di rompere le placche amiloidi, principale causa (anche se non vi è più un consenso unanime in proposito) della perdita di memoria e del declino cognitivo.
In estrema sintesi, gli ultrasuoni sono in grado di aprire temporaneamente (per poche ore) la barriera emato-encefalica, facilitando così prima il processo di eliminazione degli aggregatici proteici neurotossici e poi il ripristino di una funzionalità neurale "meno sofferente". Un effetto rafforzato dalla proprietà di queste onde di attivare l'attività fagocitaria delle cellule microgliali (le uniche cellule immunitarie ammesse in un'area altamente sensibile come il cervello).
I test, condotti su modelli murini dell'Alzheimer, dovranno ora essere confermati in altri modelli animali prima di procedere alla sperimentazione clinica.

Prossimo articolo sul tema --> QUI.
Articolo precedente --> QUI 

Fonte
- Scanning ultrasound efficiently removes amyloid-β and restores memory in an Alzheimer's model.
Gerhard Leinenga e Jürgen Götz. Science Translational Medicine  (2015) Vol.7, 278, pp.278

Nessun commento:

Biglietto musical + cofanetto limited edition

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...

Il mio musical preferito e un SSD economico ma che funziona perfino sugli esigentissimi Mac!!