CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Il pappagallo della Tasmania farà la fine del Dodo?

L'iconico pappagallo della Tasmania (uno degli unici tre pappagalli migratori) è entrato ufficialmente nel poco invidiabile albo delle specie ad imminente rischio di estinzione. 
(shughal.com)
Le previsioni sono chiare: se dovesse continuare il calo attuale entro i prossimi 16 anni non rimarrebbe alcun esemplare (o troppo pochi per rendere la specie geneticamente vitale).
I dati sono stati forniti dalla Australian National University.
Come spesso avviene quando si parla di ecosistema, la scomparsa di una specie può avere conseguenze sull'intero ecosistema. Nel caso specifico questo animale ricopre un ruolo chiave come impollinatore degli alberi della gomma, a loro volta elemento centrale per le industrie locali il che ingenera un circolo vizioso in cui ecosistema e industria risultano entrambi perdenti dal pericolo che incombe su un attore trattato più come una comparsa che come una star.

Il petauro (shughal.com)
Tra le cause della riduzione del numero di questi volatili non appare in questo caso caccia o cattura a scopo di vendita. E' il naturale comportamento migratorio del pappagallo che lo spinge ogni anno a spostarsi in ristrette e specifiche aree della Tasmania ad averlo esposto al mutamento di tali territori. La deforestazione a scopi agricoli ha depauperato il territorio, spingendo i pappagalli a concentrarsi in aree più ristrette, divenendo così facili bersagli di predatori come i petauri (una specie tra l'altro non nativa della Tasmania) con un effetto dirompente di un dimezzamento della popolazione ogni 4 anni.
Altre informazioni reperibili su The Conversation

Fonte
- Tasmania's swift parrot set to follow the dodo
Australian's National University, news

Nessun commento:

Posta un commento

Wikipedia bloccato in Turchia

Wikipedia bloccato in Turchia
Un'altra prova di quello che è la Turchia oggi e del pericolo che rappresenta per l'Europa e le sue libertà

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...