CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Fluoruro di sodio per identificare le placche aterosclerotiche

I ricercatori delle università di Cambridge e di Edimburgo hanno mostrato in un recente articolo le potenzialità di una tecnica di imaging radioattivo, oggi in uso per identificare le metastasi ossee, per evidenziare l'accumulo di depositi di calcio instabili nelle arterie e quindi intervenire in anticipo per prevenire infarto e ictus.
L'aterosclerosi è una condizione potenzialmente grave in cui il lume delle arterie si restringe localmente a causa di depositi grassi note come 'placche'. Due i problemi principali associati: il restringimento del canale provoca una minore ossigenazione dei tessuti irrorati; il distacco di porzioni di queste placche provoca l'ostruzione delle arteriole a valle, cardiache o cerebrali, creando i presupposti di infarto e ictus, rispettivamente.

Poiché le placche aterosclerotiche sono una conseguenza fisiologica dell'invecchiamento (cominciano a comparire già dopo i 20 anni come i classici studi sui militari americani morti in Vietnam scoprirono) rimane da capire perché solo in alcuni soggetti le placche siano instabili e quindi pericolose.
Un primo passo sarebbe identificare i soggetti a rischio e indirizzarli ad un trattamento specifico per la rimozione delle placche. Con questo obiettivo in mente i ricercatori hanno iniettato i pazienti con fluoruro di sodio associato ad una piccola quantità di un tracciante radioattivo necessario, un marcatore essenziale per la localizzazione dei depositi mediante tomografia ad emissione di positroni (PET) e tomografia computerizzata (CT).
Il concetto è semplice. Il fluoruro di sodio è uno dei classici componenti del dentifricio e agisce legandosi ai composti di calcio presente nello smalto dei denti. Allo stesso modo è in grado di interagire con la zona di calcificazione nelle arterie, soprattutto nelle aree instabili. La misurazione e la localizzazione della radioattività nelle arterie permette poi di identificare dove questi depositi si stanno accumulando e rimuoverli prima che possano causare problemi.

Tra i vantaggi di questo approccio, basato su una tecnica consolidata, vi è indubbiamente il basso costo del radiofarmaco e del fluoruro di sodio.

Fonte
- Identifying active vascular microcalcification by 18F-sodium fluoride positron emission tomography   

Nessun commento:

Ricondizionati e garantiti da Amazon

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...

Io amo i musical. E voi?