CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Alzheimer. Identificato l'anello "molecolare" mancante

E' di pochi giorni la pubblicazione dell'anello "molecolare" mancante nella catena di eventi (meglio definibile come pathway) che porta all'Alzheimer. Fatta la scoperta, il passo successivo è stato verificare se fosse possibile, mediante molecole specifiche, revertire alcuni dei tratti patologici tipici della malattia.
 
Molto si è appreso sul morbo di Alzheimer (AD) da quando la malattia venne identificata più di un secolo fa. Un sforzo che negli ultimi anni ha visto incrementare in modo esponenziale i dati molecolari grazie all'aumento delle conoscenze nel campo delle neuroscienze e soprattutto a tecniche genetico-molecolari sempre più raffinate.
Non voglio riassumere per l'ennesima volta informazioni note e/o facilmente reperibili sulla malattia. Semplificando il tutto al massimo, uno degli elementi distintivi (rispetto ad altre patologie neurodegenerative) dell'AD sono le placche amiloidi e gli ammassi neurofibrillari. Il loro accumulo nel cervello è, secondo uno dei modelli più accettati dalla comunità scientifica, direttamente correlato al processo neurodegenerativo. Nell'ambito di questa teoria, alcuni ricercatori sostengono che queste placche siano la causa della neurodegenerazione mentre altri ritengono che siano un epifenomeno, ovvero una conseguenza della neurodegenerazione.

In un articolo pubblicato l'anno scorso il team diretto da Stephen Strittmatter dell'università di Yale, mostrava che il peptide beta-amiloide (componente principale delle placche) poteva associarsi sulla superficie del neurone con la proteina prionica (a sua volta nota per la cosiddetta sindrome della mucca-pazza). L'interazione portava, in modo ignoto, all'attivazione dell'enzima Fyn con il risultato di problemi nella funzionalità sinaptica.

Uno schema semplificato che raffigura le proteine di membrana coinvolte
(®S. Strattmatter's lab  & Yale Univesity / ®cell.com/neuron)
Questa settimana, il team di Strittmatter ha pubblicato su Neuron l'indentificazione dell'anello mancante di questa catena che a partire dal peptide beta-amiloide porta all'attivazione di Fyn. Nella figura a fianco è schematizzato il percorso completo del segnale anomalo che vede al centro la proteina mancante, il recettore metabotropico del glutammato (mGluR5).

Caratterizzato il quadro molecolare è stato possibile cercare una molecola che potesse correggere questa attivazione anomala. Questa molecola, trovata nel principio attivo di un farmaco sviluppato per un'altra malattia (sindrome dell'X fragile), è stata infine testata su topi di laboratorio con alterazioni simili a quelle dell'AD.
Risultato: le facoltà mnemoniche e di apprendimento (oltre che la densità sinaptica) perse con il progredire della malattia sono state in buona parte ripristinate.

Una volta confermati questi dati, il passo successivo vedrà necessariamente i test sull'uomo.
Un risultato estremamente importante dato il costo umano e sociale di una malattia in rapida ascesa (a causa anche dell'innalzamento della vita media della popolazione).

(Articolo successivo e precedente, su questo blog sul tema Alzheimer).

Fonti
- Alzheimer amyloid-β oligomer bound to postsynaptic prion protein activates Fyn to impair neurons.
Um JW et al, Nat Neurosci. 2012 Sep;15(9):1227-35 

- Metabotropic glutamate receptor 5 is a coreceptor for Alzheimer aβ oligomer bound to cellular prion protein.  
Um JW et al, Neuron. 2013 Sep 4;79(5):887-902

- Alzheimer’s missing link found: Is a promising target for new drugs
 Yale news

Nessun commento:

Posta un commento

Wikipedia bloccato in Turchia

Wikipedia bloccato in Turchia
Un'altra prova di quello che è la Turchia oggi e del pericolo che rappresenta per l'Europa e le sue libertà

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...