CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Cammelli giganti a nord del circolo polare

Non si tratta del titolo di un B-movie degli anni '50 nè di un avvistamento tipo mostro di Loch Ness e tantomeno di un pesce di aprile. Si tratta del sorprendente risultato di una ricerca condotta da paleontologi canadesi in collaborazione con biotecnologi inglesi. Una collaborazione nata dalla necessità di definire la provenienza di reperti ossei trovati dai canadesi nell'isola di Ellsmere. I reperti, vecchi di tre milioni di anni secondo la datazione al carbonio 14, erano infatti troppo esigui per poterne ricavare informazioni dettagliate sull'animale.

Non sorprende, osservando la figura allegata, che i paleontologi in un primo momento li avessero confusi con del legno fossile; solo una successiva ispezione con la strumentazione presente al campo base permise loro di scoprire che non era legno ma ... una tibia. Rimaneva da capire a che animale fosse appartenuta.
Dalle dimensioni di un reperto osseo, e grazie all'anatomia comparata, è spesso possibile risalire alla dimensione (e a spanne anche alla famiglia) dell'animale. Diversa cosa è ovviamente caratterizzare il reperto con precisione assoluta. Negli ultimi anni tuttavia i progressi fatti dalla genetica molecolare e dalla biotecnologia hanno reso possibile approcci prima fantascientifici. I canadesi decisero di contattare i colleghi inglesi in quanto questi avevano messo a punto un procedimento noto come collagen fingerprinting (impronta digitale del collagene). Una tecnica che permette, partendo da quantità minime di collagene osseo, di risalire alla specie (vivente o estinta purchè ben nota).
Si scoprì così che il profilo molecolare era quasi identico a quello dell'odierno dromedario e dell'estinto ma recente cammello gigante dello Yukon (vissuto soli 2 milioni di anni fa) le cui ossa erano state trovate 1200 km a sud dal luogo dell'attuale ritrovamento.
La dimensione dell'osso è circa il 30 % maggiore di quella dei camelidi odierni. ll che ovviamente suggerisce che l'animale fosse altrettanto più grande.

Il dato tuttavia di maggiore interesse è il luogo del ritrovamento. Pur considerando la deriva dei continenti e l'età dei reperti, la zona era anche al tempo artica, quindi inattesa per una specie che noi associamo ai climi torridi. In realtà all'epoca la temperatura dell'Alaska era meno fredda dell'attuale a causa di un generale surriscaldamento.
 Ricordo che cammelli e dromedari fanno parte della famiglia dei Camelidi a cui appartengono anche il lama e l'alpaca.
Il doppio ritrovamento dei reperti in questa zona fa pensare che qui sia vissuto il paracamelus (se mi passate il termine, il corrispettivo della nostra Lucy nei camelidi); dato interessante in quanto permette di fare luce sulla linea evolutiva dei camelidi.

La caratteristica forma appiattita del piede, gli occhi grandi e i depositi di grasso non sarebbero altro che adattamenti al freddo che con il tempo si sono rivelati utili anche ai loro discendenti trovatisi a vivere in ambienti altrettanto estremi.
Perchè il cammello dell'Alaska si sia estinto non è chiaro. Probabilmente un insieme di cause legate al raffreddamento successivo e/o alla presenza di predatori agguerriti (ad esempio gli antenati dei Grizzly).


(articolo successivo su animali giganti estintisi recentemente qui)


Fonti
- Mid-Pliocene warm-period deposits in the High Arctic yield insight into camel evolution
  Natalia Rybczynski et al, Nature Communications, 2013, 4(1550)
 
- University of Manchester, news


Nessun commento:

Posta un commento

Wikipedia bloccato in Turchia

Wikipedia bloccato in Turchia
Un'altra prova di quello che è la Turchia oggi e del pericolo che rappresenta per l'Europa e le sue libertà

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...