CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.

The Copyright Laws of the United States recognizes a “fair use” of copyrighted content. Section 107 of the U.S. Copyright Act states: “Notwithstanding the provisions of sections 106 and 106A, the fair use of a copyrighted work (...) for purposes such as criticism, comment, news reporting, teaching, scholarship, or research, is not an infringement of copyright.”
Any image or video posted is used according to the fair use policy
Le notizie sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate per essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato.
Ho disabilitato la pubblicità creata da Google attraverso adsense in quanto inutile e fastidiosa per chi legge.
Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci tematici di Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di comprare libri o servizi da Amazon, meglio ;-)
Dimenticavo. Questo blog NON contiene olio di palma (è così di moda specificarlo per ogni cosa...)

Piante "bioniche" come sensori ambientali

I biosensori sono il punto di incontro tra biologia e applicazioni in campo ecologico e industriale.
(credit: Christine Daniloff/MIT)
Il concetto alla base di questi sensori è quello di sfruttare la naturale capacità degli organismi di "capire" l'ambiente circostante (fondamentale per la loro esistenza) unendole alla nostra inventiva in modo da creare strumenti di rilevazione utilizzabili per tenere sotto controllo parametri tra i più diversi che vanno dalla comparsa di focolai di incendi alla presenza/carenza di determinate molecole nel terreno.

Un esempio recente delle potenzialità di queste tecniche di bio-hacking viene da uno studio del gruppo di Michael Strano del MIT pubblicato sulla rivista Nature Materials in cui si descrive l'incorporazione di nanotubi fluorescenti basati sul carbonio nelle piante di spinaci.
Nello specifico i ricercatori hanno rivestito i nanotubi di carbonio con peptidi capaci di legare i composti nitroaromatici, e infine hanno incorporato le nanoparticelle sulle foglie delle piante di spinaci.
Maggiori dettagli su --> zmescience.com
Se nel terreno in cui si trova la pianta sono presenti molecole nitroaromatiche, queste verranno assorbite dalle radici e una volta raggiunte le foglie ne indurranno la fluorescenza, rilevata da sensori presenti nel campo. Il segnale verrà quindi trasmesso wireless allo smartphone permettendo così una rapida identificazione (e mappatura) delle aree inquinate, siano esse industriali o prossime a incidenti o a sversamenti non autorizzati).
Gli esperimenti in laboratorio hanno dimostrato che sono sufficienti anche solo 10 minuti tra il posizionamento nel terreno inquinato e la comparsa di fluorescenza sulle foglie.
L'idea di una pianta "sentinella" per la presenza di inquinanti
(image credit:ucresearch.tumblr.com)
La tecnologia potrebbe essere utilizzata anche per identificare altri tipi di molecole siano esse correlabili ad esplosivi o armi non autorizzate (il gas sarin ad esempio) che ad inquinanti industriali.

Il problema principale su cui i ricercatori devono lavorare è ampliare l'area "coperta" da ogni singola pianta in modo da favorire un monitoraggio estensivo.

Video riassuntivo della notizia
 Se non vedi il video -->yotube

Articoli precedenti su temi correlati
--> Batteri biosensori
--> Bruchi che digeriscono plastica
--> Un gadget per sterilizzare l'acqua
oppure il tag --> "ambiente"

Fonte
- Nitroaromatic detection and infrared communication from wild-type plants using plant nanobionics
Min Hao Wong et al,  (2017) Nature Materials 16, pp264–272

- Using Spinach to Detect Explosives
engineering.com


- Spinach really IS a super food! Modified leaves are transformed into sensors that can detect landmines
dailymail.co.uk


Per chi volesse approfondire il tema segnalo i libri di due ricercatori di fama internazionale come Daniel Chamovitz della università di Tel Aviv e Stefano Mancuso della università di Firenze.



.

Nessun commento:

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...

Il mio musical preferito e prodotti che uso per i miei amati Mac