CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Alzheimer e sonno

Dormire è una necessità fisiologica.
Di mancanza di sonno si può morire a causa dell'alterazione dei parametri neurologici e cardiovascolari.
Dormire a sufficienza e bene non solo è importante per processi come il consolidamento della memoria e per il benessere psicofisico dell'individuo ma, in caso di disturbi ricorrenti, è anche un utile indicatore dell'esistenza di alterazioni sottostanti, spesso prodromiche di malattie neurodegenerative.
I ricercatori della Technische Universität di Monaco di Baviera hanno mostrato per la prima volta come alcune patologie neurodegenerative alterino fin dalle primissime fasi il processo di elaborazione dell'informazione e di formazione della memoria, tipicamente associate al sonno. Tra gli elementi di maggior importanza dello studio, il non "essersi limitati" a comprendere il fenomeno ma l'essere stati in grado agire con farmaci specifici sulla rete neuronale in modo da compensare almeno in parte il processo disfunzionale.

Cosa avvenga esattamente durante il sonno di così "fondamentale" non è del tutto chiaro. Di certo mentre dormiamo predominano a livello cerebrale le cosiddette onde delta, note anche come oscillazioni lente data la frequenza compresa tra 1 e 4 Hz, che giocano un ruolo chiave nel consolidare ciò che abbiamo imparato nelle ore di veglia e nello "stoccare" le informazioni nella memoria a lungo termine. 
Tracciato EEG dei diversi tipi di onde cerebrali ottenibili con un elettroencefalogramma
(courtesy of neurosci.dronet.org)
Le onde delta hanno un origine principalmente corticale da cui poi si propagano fino a raggiungere l'ippocampo, sede della memoria lungo termine. Le parole di Marc Aurel Busche, responsabile del progetto, chiariscono meglio il concetto: queste onde sono una sorta di segnale attraverso cui alcune aree del cervello inviano segnali di inizio sincronizzazione, come a dire "io sono pronto, lo scambio di informazioni può andare avanti". Questa interazione permette un elevato livello di coerenza durante il sonno anche tra reti neuronali distanti, a livello encefalico.
Rappresentazione delle onde lente durante il sonno
nel cervello di topi sani (sinistra), malati (centro)
e malati trattati con benzodiazepine (destra).
Credit: Marc Aurel Busche/ TUM
I ricercatori tedeschi hanno dimostrato che è proprio questo processo di sincronizzazione ad essere alterato nella malattia di Alzheimer (AD). Lo studio, basato su modelli murini con anomalie simili a quelle dei pazienti AD, ha mostrato che sono le placche di proteina beta-amiloide (caratteristica principale della malattia) ad avere un effetto destabilizzante sulla propagazione delle onde lente. Così sintetizza Busche "le oscillazioni lente sono ancora presenti ma non sono più in grado di diffondere correttamente e la conseguenza è che in alcune regioni mancano i controlli incrociati di sincronizzazione".
La notizia positiva è che basse dosi di farmaci come le benzodiazepine (circa un decimo della dose standard) si sono dimostrati capaci di riattivare una diffusione omogenea delle onde lente. A riprova della correlazione tra onde lente e performance cerebrali, il fatto che le prestazioni comportamentali dei topi durante il trattamento miglioravano sostanzialmente.

Questi risultati sono solo un primo passo sulla strada per un adeguato trattamento della malattia di Alzheimer.

Rimando ad articoli precedenti in questo blog sul tema Alzheimer  (-->QUI) e sul Sonno (-->QUI).

Fonte
- Alzheimer’s disease: Plaques impair memory formation during sleep.
 Technische Universität Munchen › News
- Rescue of long-range circuit dysfunction in Alzheimer’s disease models.
Nature Neuroscience, 12 ottobre 2015

Un libro per saperne di più sui disturbi del sonno è "Sleep Disorders", un nuovo titolo della nota serie "For Dummies". Si tratta di libri che uniscono un approccio semplificato all'estremo rigore della trattazione.
Sleep Disorder for Dummies su Amazon

Nessun commento:

Posta un commento

Wikipedia bloccato in Turchia

Wikipedia bloccato in Turchia
Un'altra prova di quello che è la Turchia oggi e del pericolo che rappresenta per l'Europa e le sue libertà

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...