CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Le migliori foto dallo spazio "vicino" del 2015

Eclisse di superluna
Image: Jose Antonio Hervás (@JoseHervasMora)
Dalla unione di più di 200 fotografie delle fasi lunari culminate nella luna rossa si è ottenuta questa spettacolare immagine. Si tratta di un evento raro noto come "eclissi di super Luna" per rivedere la quale bisognerà attendere il 2033 (vedi anche --> Wired).

Giove
Credit: NASA
La "Grande Macchia Rossa" di Giove è una tempesta che copre un'area grande due volte la superficie della Terra e che dura da almeno 150 anni (il momento in cui fu osservata la prima volta). In quella zona i venti raggiungono velocità superiori ai 600 chilometri all'ora. Il colore rossastro del centro potrebbe essere causato dall'idrosolfuro di ammonio anche se è difficile affermarlo con certezza essendo tale sostanza difficile da studiare in laboratorio data la sua instabilità (vedi anche --> INAF).

Marte
Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS
Una bella immagine catturata dal rover Curiosity. Dune di sabbia marziane nei pressi del monte Sharp. 
Per approfondimenti "semplificati" consiglio la lettura di articoli precedenti pubblicati su questo blog: "Missione Marte" (--> qui) e sul rover Curiosity (--> QUI per i momenti salienti della missione, ivi compreso un video riassuntivo dei tre anni di lavoro dall'arrivo su Marte).

Sonda Rosetta
La cometa vista da Rosetta (credit: ESA)

Immagine della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko catturata dalla sonda Rosetta ad una distanza di 128 chilometri. Sulla cometa è ora adagiato il lander Philae (maggiori dettagli nel precedente articolo pubblicato sull'argomento --> "Momenti chiave della missione Rosetta").

Pioggia di meteore
Credit: Andrés Nieto Porras/Flickr (CC BY-SA 2.0)
Ogni agosto in corrispondenza della notte di San Lorenzo si ripete l'omonima "pioggia" di meteore (anche nota come "Perseidi" a causa della posizione nella volta celeste). La periodicità del fenomeno è da ascrivere al passaggio della cometa Swift-Tuttle e della conseguente scia di detriti.

Plutone
Visto da "dietro" ...  (Credit: NASA/Johns Hopkins University)
d
... e di "fronte"(Credit: NASA/JHUAPL/SwRI)
 ... e la sua luna, Caronte
Credit: NASA/JHUAPL/SwRI
Articolo tematico sulla missione New Horizon --> qui.

Aurora polare vista dalla stazione spaziale orbitale internazionale
(Credit: Scott Kelly, Instagram @stationcdrkelly)

Addio a Leonard Nimoy (alias mr. Spock)
L'astronauta Terry Virts ha salutato in questo modo la dipartita di Leonard Nimoy.
Un saluto vulcaniano durante il passaggio della ISS sopra il Massachusetts,
luogo di nascita di Nimoy. (credit: @AstroTerry via Twitter)
La Luna e la ISS
L'astronomo Dylan O'Donnell ha atteso un anno per trovare le condizioni
ideali per fotografare il transito della stazione spaziale internazionale (ISS)
di fronte alla luna piena (l'oggetto in alto a destra). La frase "cogli l'attimo" descrive perfettamente la
foto dato che la ISS ci ha messo 0,33 secondi per "attraversare" lo sfondo lunare
(credit: ESA / Dylan O’Donnel)

Saturno e Dione
Una immagine catturata dalla sonda Cassini del passaggio "davanti" a Saturno di una
delle sue lune, Dione (credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute)

Immagini dalla sonda Cassini delle tre lune di Saturno: Titano, Rea e Mimas
(credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute / Caption by: Michelle Starr)
Giove, le sue lune ... e le ombre
La foto scattata da Hubble mostra il transito "contemporaneo" di tre delle lune di Giove
(Callisto, Europa e Io) e della loro ombra proiettata sull'atmosfera di Giove (credit: NASA,
ESA, and the Hubble Heritage Team (STScI/AURA) / Caption by: Michelle Starr).



L'alba vista dalla stazione spaziale internazionale
Un'altra spettacolare immagine catturata dall'astronauta Scott Kelly.
In questo caso una delle tante albe (si ripetono ogni 90') vista dalla ISS
(Credit: Scott Kelly, Instagram @stationcdrkelly)

La rottura del muro del suono
Visualizzazione delle onde d'urto generate da un jet che si muove a velocità supersonica.
Per ottenere questa immagine i ricercatori della NASA hanno sfruttato una tecnica
chiamata "fotografia schlieren", sviluppata nel XIX secolo dal fisico tedesco August Toepler,
che permette la visualizzazione delle turbolenze prodotte nell'aria o in altri fluidi quando questi
vengono compressi dal passaggio di un solido, ad esempio un aereo.

Il fantasma di una stella
L'immagine catturata dal Very Large Telescope in Cile è quella di una nebulosa
planetaria, vale a dire i resti incandescenti di una stella morente (altre info sul
sito dell'osservatorio di Brera)
 I ghiacci di Marte
Gli indizi della presenza di acqua su Marte (o nel sottosuolo o ghiacciata) sono
molti. Tra le prove più evidenti le striature erosive presenti sul bordo di questo cratere
(Credit NASA)
... e quelli di Encelado
Encelado, una delle lune di Saturno, è balzata agli onori delle cronache come luogo in cui
potrebbe esserci vita, sebbene microscopica. La scoperta fatta dalla sonda Cassini
di un oceano liquido sotto la superficie ghiacciata è stata trattata in precenza --> QUI
(credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute / Caption by: Michelle Starr)

Le macchie luminose su Cerere/Ceres
ss
I colori sono il risultato della eleborazione al computer. L'area quasi luminescente
è verosimilmente dovuta alla presenza di solfati di magnesio (--> Nature). Altre informazioni
--> Wired e in questo blog --> qui.

Il gatto del Cheshire
(credit: NASA/CXC/UA/J.Irwin et al)
Quale migliore foto per chiudere questo articolo e augurare buon 2016 di questa immagine che sembra arrivare direttamente dal "gatto del Cheshire", uno dei personaggi iconici di "Alice nel paese delle meraviglie". L'immagine raffigura un gruppo di galassie dette appunto "Cheshire Cat galaxies". La percezione che noi abbiamo di tale immagine è un tipico esempio di pareidolia (--> QUI per ulteriori dettagli sul fenomeno).

2 commenti:

  1. Immagini davvero mozzafiato!

    Auguri per un grande - e scientifico - 2016 :)

    RispondiElimina

Wikipedia bloccato in Turchia

Wikipedia bloccato in Turchia
Un'altra prova di quello che è la Turchia oggi e del pericolo che rappresenta per l'Europa e le sue libertà

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...