CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Piovono massi sulla Luna

Immagini reali e elaborazione al computer di un impatto meteoritico sulla Luna

Il flash da impatto del meteorite sul suolo lunare (©Nasa)
Un team di astronomi spagnoli ha portato alla conoscenza della comunità internazionale quello che è il maggiore impatto mai osservato dal vivo di una roccia spaziale che colpisce la Luna. Secondo quanto descritto, l'impatto ha generato un lampo luminoso durato per ben otto secondi, un record, e la cui intensità è stata tale che avrebbe potuto essere osservato anche ad occhio nudo. L'eventuale 'osservatore sulla Terra avrebbe visto un flash di intensità paragonabile a quella associata alla stella polare.  
L'evento in questione, descritto in un articolo pubblicato il 23 febbraio nelle Monthly Notices della Royal Astronomical Society è avvenuto l'11 settembre 2013. Dai dati dell'intensità luminosa e tenendo in considerazione le specificità dell'atmosfera e della superficie lunare è stato possibile calcolare l'intensità dell'impatto. L'esplosione generata è paragonabile a quella ottenibile con 15 tonnellate di TNT, un valore tre volte superiore al precedente impatto, osservato nel marzo 2013.
Due gli aspetti da ricordare quando si parla di impatti meteoritici sulla Luna. 
  • l'atmosfera lunare è così sottile e poco densa da permettere di fare arrivare sulla superficie anche meteoriti di piccole dimensioni. Rocce che nel caso della Terra brucerebbero nell'alta atmosfera dando luogo ai fenomeni noti come "stelle cadenti".
  • la "faccia nascosta" della Luna ha un aspetto molto più butterato della faccia a noi visibile. Ricordo che la Luna è tidally locked, vale a dire che il rallentamento indotto dalla gravità terrestre sulla rotazione lunare ha reso coincidenti (locked) il tempo di rotazione lunare con la sua orbita intorno alla Terra. Quindi ovunque noi siamo sulla Terra potremo vedere solo e soltanto una faccia (in realtà è poco più della metà per ragioni facilmente calcolabili) della Luna. Sul lato nascosto sono praticamente assenti i mari mentre predominano gli altopiani ricchi di crateri. Le differenze sono riconducibili sia al fatto che la faccia a noi invisibile non è "protetta" dalla Terra ed è quindi un bersaglio ideale per i meteoriti, sia per il maggior spessore della crosta nella parte visibile. Non conosco i dettagli ma la differenza in composizione è verosimilmente legata alle forze di marea che agiscono in modo differenziale sulle due facce.
Il meteorite responsabile dell'impatto doveva avere dimensioni esigue, tra 0,6 e 1,4 metri e con un peso di circa 450 chilogrammi. Praticamente una moto di grossa cilindrata con due passeggeri. Niente di che per il nostro pianeta ma sufficiente per arrivare sulla superficie lunare. Un bruscolino nell'occhio rispetto alla cometa caduta su Giove (vedi articolo sulla Shoemaker-Levy, QUI)

Il meteorite è caduto sul Mare Nubium, un grande bacino di origine vulcanica, producendo un cratere tra 47 e 56 metri di larghezza.

L'evento è stato catturato dal Moon Impacts Detection and Analysis System (MIDAS), un sistema di rilevazione spagnolo che monitorizza in continuo gli impatti lunari grazie a telescopi situati a Siviglia e a Toledo.

Di seguito il video




Articoli ulteriori in questo blog sulla Luna --> qui


 
Fonti
- A large lunar impact blast on 2013 September 11
José M. Madiedo et al, MNRAS (2014), 439 (3) 2364-2369

- Largest lunar impact caught by astronomers
Nature, 2014 
 

Nessun commento:

Posta un commento

Wikipedia bloccato in Turchia

Wikipedia bloccato in Turchia
Un'altra prova di quello che è la Turchia oggi e del pericolo che rappresenta per l'Europa e le sue libertà

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...