CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.

The Copyright Laws of the United States recognizes a “fair use” of copyrighted content. Section 107 of the U.S. Copyright Act states: “Notwithstanding the provisions of sections 106 and 106A, the fair use of a copyrighted work (...) for purposes such as criticism, comment, news reporting, teaching, scholarship, or research, is not an infringement of copyright.”
Any image or video posted is used according to the fair use policy
Ogni news è tratta da articoli peer reviewed ed è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto sia datato.
QUALUNQUE link in questa pagina rimanda a siti sicuri!! SEMPRE.
Volete aiutare questo blog? Cliccate sui prodotti venduti da Amazon (se non li vedete, disattivate l'Adblocker. Non ci sono pop up o script strani, solo Amazon). Se poi decidete di comprare libri o servizi da Amazon, meglio ;-)
Dimenticavo. Questo blog NON contiene olio di palma (è così di moda specificarlo per ogni cosa...)

Identificata la molecola antidiabetica presente nei broccoli

Il diabete dell'adulto (diabete di tipo 2) è una patologia metabolica destinata a diventare sempre più importante a livello globale a causa del mix tra invecchiamento della popolazione e disponibilità di cibo (in eccesso e/o spazzatura) anche in quei paesi che fino a pochi anni fa avevano problemi di natura opposta (vedi la percentuale di obesi in Cina, India e perfino in Africa).
A differenza del diabete di tipo 1 che colpisce prevalentemente i giovani e ha una eziologia autoimmune che impone la somministrazione di insulina, il diabete dell'adulto è trattato con farmaci ipoglicemizzanti e una terapia comportamentale (attività fisica e cambiamento stile alimentare).

(credit: Fir0002)
Di alcuni alimenti come i broccoli era da tempo nota la loro azione benefica sulla glicemia sebbene non fosse chiara la loro modalità di azione. Uno studio svedese pubblicato su Science Translational Medicine fa luce sul fenomeno e apre la strada allo sviluppo di farmaci contenenti la molecola "utile" presente nei broccoli.

Il punto focale della ricerca è stata l'analisi dell'espressione genica negli epatociti di topi predisposti al diabete di tipo 2, allo scopo di ottenere una sorta di "impronta digitale" di quali e quanti sono i geni modificati da una dieta pro-diabetica.
L'analisi ha permesso così di identificare una "firma" basata sull'espressione di 50 geni che è stata poi usata come guida per trovare quale/i tra le molecole presenti in una libreria di 3800 composti fosse in grado di produrre un effetto opposto su cellule epatiche in coltura. Tra i candidati scoperti vi è il sulforafano, un isotiocianato presente nei broccoli e da qui la scoperta "dell'anello mancante" nel legame broccoli-contrasto iperglicemia.
Test successivi condotti con questa molecola hanno confermato la sua capacità si di prevenire la comparsa della resistenza periferica al glucosio che di normalizzare, qualora questa fosse già presente.
Il prossimo passo sarà validare i risultati negli esseri umani. Un approccio su cui non gravano rischi teorici date le conoscenze consolidate sugli effetti benefici ottenibili usando concentrati di estratti di broccoli, come agente normalizzante la glicemia in soggetti obesi.

Fonte
- Sulforaphane reduces hepatic glucose production and improves glucose control in patients with type 2 diabetes
Annika S. Axelsson et al, Science Translational Medicine, (2017) v9, n 394



Nessun commento:

Libro del mese

Libro del mese
Il mio primo libro di Hawking risale all'inizio degli anni '90, quando volevvo distrarmi dalla "mia" scienza leggendo altre materie. Da allora non ho mai smesso di leggerlo. Questo, ahime, è il suo ultimo

Eric Kandel, Nobel, divulgatore, neuroscienziato. Che altro? Scrive libri appassionanti