CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Un trapianto difficile reso possibile da "Guerre Stellari" (e da un ospedale coraggioso)

Una ragazza texana di 24 anni ha ricevuto il trapianto salva-vita grazie al coraggio dell'ospedale universitario della UCLA e alla mobilitazione di attori e fans di "Guerre Stellari".

Il tutto nasce quando le condizioni di salute di Kathlyn Chassey, affetta da fibrosi cistica e fan di lunga data della saga cinematografica, peggiorano sensibilmente rendendo necessaria l'intubazione e in prospettiva il trapianto dei polmoni come unica soluzione.
La fibrosi cistica è una malattia genetica causata dalla mutazione del gene CFTR codificante per la proteina che funziona da canale di membrana dello ione cloruro. Tra le funzioni associate al canale vi è la regolazione del trasporto di fluidi nelle mucose, fondamentale per  mantenere, tra le altre cose, una densità dinamica del muco, la prima barriera a difesa da agenti esterni. Il "corto circuito" funzionale causato dalle mutazioni provoca un drastico calo dei liquidi "movimentati" con il conseguente aumento della densità del muco superficiale; il muco nelle vie respiratorie svolge un ruolo chiave per catturare i microorganismi che vengono poi "trasportati" grazie al movimento ciliare nei tratti superiori dell'apparato respiratorio e quindi espulsi. Se il muco diventa troppo denso, non solo il trasporto è ridotto (con conseguente proliferazione dei batteri) ma anche la funzionalità respiratoria (basata sulla diffusione del gas tra cavità alveolare e cellule) viene fortemente compromessa. Sebbene abbia citato solo l'apparato respiratorio, la patologia si manifesta anche in altri organi.
La fibrosi cistica è una malattia genetica autosomica recessiva, per cui entrambe le copie del gene nell'individuo devono essere mutate perché si manifesti. Nella maggior parte dei casi la mutazione è ereditata da entrambi genitori (portatori sani, avendo una copia del gene normale, ma con rischio di generare figli malati pari a 1 su 4), e una minoranza in cui uno solo dei genitori è portatore con l'altra mutazione di tipo ex-novo. Tra le curiosità evolutive che spiegano la ragione della diffusione nella popolazione umana di un allele dannoso, quindi teoricamente contro-selezionato, vi è l'ipotesi che i soggetti eterozigoti siano più resistenti a patogeni come il colera (fenomeno simile alla resistenza conferita dall'allele talassemico per la malaria).
Ricoverata al Brooke Army Medical Center di San Antonio in Texas (suo padre è un sergente dell'aeronautica) il suo nome venne inserito nel database dei trapianti, in attesa non solo di un donatore compatibile ma che un ospedale sufficientemente attrezzato offrisse la disponibilità ad eseguire l'intervento. Purtroppo uno dopo l'altro gli ospedali si tirarono indietro a causa dell'estremo rischio dell'intervento che si sommava alla criticità dello stato di salute della paziente. Con il tempo a disposizione che si assottigliava, la famiglia iniziò una capillare campagna sui social per cercare al di fuori del Texas (che pur vanta centri di assoluta eccellenza) un ospedale disposto ad eseguire l'intervento.

Come detto in apertura la ragazza è una fan della saga di Guerre Stellari, solita partecipare alle varie convention tematiche da quando aveva 7 anni (--> vedi fenomeno fandom) e fu proprio in una di queste occasioni che conobbe Peter Mayhew, l'attore che interpreta Chewbacca.
Peter Mayhew alias Chewbacca
Il suo appello sui social, amplificato a cascata dai fan e da altri attori, giunse infine alle orecchie di un team della UCLA che, dopo avere consultato i medici della ragazza, accettò il rischio di un intervento che nessuna assicurazione avrebbe coperto. 
A. Ardehali (UCLA)
Una scelta dipesa da fattori come "...la sua giovinezza, la sua determinazione e il fatto che abbiamo le risorse e l'esperienza presso la UCLA di offrire questa terapia salva-vita, abbiamo pensato che fosse nostro obbligo e dovere, dare una possibilità e la disponibilità per il trapianto", per citare le parole del primario di chirurgia e direttore del programma di trapianti della UCLA.
Ottenuto il placet del medici, un C-130 della USAF portò Kathlyn da San Antonio a Los Angeles, un velivolo grande a sufficienza per accogliere le attrezzature mediche necessarie ed un team di 20 persone, tra medici, personale di volo e familiari.
Il trapianto è avvenuto il 16 dicembre e lo scorso 11 gennaio la ragazza è uscita scortata da alcuni dei suoi "eroi", sebbene oggi, come lei afferma, un nuovo (e reale) eroe è entrato a far parte del suo Pantheon: il chirurgo che ha accettato il rischio elevato di fallire avendo visto una ragionevole probabilità di successo.
Kathlyn esce dall'ospedale "scortata"dalla guardia imperiale


Fonte
UCLA - news

***
Mi sembra l'occasione giusta per ricordare il post con gli auguri di Natale di Chewbacca
 --> QUI.

Nessun commento:

Ricondizionati e garantiti da Amazon

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...

Un utile approfondimento sull'assioma oggi alla moda vegano = salute e sulla fallacia dei giudizi non scientifici