CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie raccolte sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato e privo di interesse.
Questo almeno è il mio obiettivo.
Gli hyperlink presenti nel testo dell'articolo (parole con diversa tonalità di colore) rimandano a pagine SICURE.

Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci sponsorizzati da Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di provare Prime o comprate qualcosa Amazon sarà ancora più felice. Tutto qui :-)

Ma gli elefanti dicono "Attenzione. Uomo in avvicinamento"?

Uno studio recente sembra indicare che gli elefanti africani siano in grado di emettere suoni specifici indicanti il potenziale pericolo causa presenza di esseri umani".

(©reuters / natureworldnews.com)
Questo almeno e' quanto emerge da uno studio congiunto della Oxford University in associazione con organizzazioni come "Save the Elephants" e "Animal Kingdom" della Disney. Tra le prove presentate vi e' la reazione (confermata da osservazioni ripetute) manifestata da elefanti a riposo al sentire registrazioni audio di voci di membri di una tribù del Nord del Kenya, i Samburu, loro vicini naturali. La reazione degli elefanti alle voci umane è stata immediata ed ha comportato prima un'aumento della vigilanza di ciascun membro del branco seguita dal precipitoso allontanarsi dalla fonte del suono. 
Un comportamento preceduto dall'emissione da parte del membro che per primo ha ascoltato le voci umane dall'emissione di un suono particolare a bassa frequenza, diverso dal classico barrito.
La reazione al suono di voci registrate di membri di una tribù locale (©L. King/Oxford Un.)
La ricerca pubblicata su PLoS ONE prosegue studi analoghi gia' pubblicati dai ricercatori inglesi in cui si era mostrata l'esistenza di una risposta in parte simile a quella sopra descritta ma stimolata dal suono prodotto da uno sciame d'api "arrabbiato". Il richiamo di avvertimento in questi due casi e' solo apparentemente simile; il nostro udito infatti non e' in grado di percepire la ricchezza "lessicale" contenuta nel messaggio a basse frequenza, un messaggio invece ben chiaro per gli elefanti. E infatti la risposta attivata ai due rumori e' come vedremo distinta in alcuni atteggiamenti chiave.
Clicca su AUDIO per ascoltare il suono emesso dall'elefante in risposta a suoni di origine umana.
"Gli elefanti sembrano essere in grado di manipolare il loro tratto vocale (bocca, lingua, gola etc) per modellare i suoni emessi e generare segnali distinti" afferma Lucy King una delle responsabili dello studio insieme a Joseph Soltis, un esperto di bioacustica di Animal Kingdom della Disney.
Il Canto dell'Elefante
Nota. Nei mammiferi, la produzione del suono vocale avviene generalmente in due modi: attraverso il controllo muscolare, ad esempio quando il gatto fa le fusa, oppure durante il passaggio dell'aria attraverso le corde vocali, una modalità in grado di produrre sia la voce umana che i tipici suoni ad ultrafrequenza dei pipistrelli. Da circa 20 anni è noto che gli elefanti sono in grado di comunicare tra loro grazie a suoni a frequenza estremamente bassa.
"Non posso escludere la possibilità che questi suoni particolari non siano altro che un sottoprodotto 'emozionale' prodotto dall'elefante in fuga. D'altra parte però, le evidenze in nostro possesso mostrano che questi allarmi sonori corrispondono a quasi-parole, e sono usate dagli elefanti in modo specifico. Un certo tipo di suono avverte di uno specifico pericolo. In altre parole il segnale è riproducibilmente distinto cosi' come la minaccia potenziale rappresentata da api o esseri umani".
A riprova di questa affermazione, il fatto che la risposta scatenata da "allarme-api" si caratterizzi da una fuga piu' un contemporaneo scuotimento della testa. Perchè se è vero che gli elefanti hanno una pelle sufficientemente spessa da fornire una protezione sicura dalla puntura delle api non altrettanto si puo' dire della zona intorno agli occhi. Un'area estremamente sensibile che se colpita ripetutamente dalle api puo' avere conseguenze letali. Comprensibile allora che la risposta alle api implichi uno scuotimento della testa oltre che la fuga. L'assenza di questa reazione nella fuga dalluomo è una riprova della specificità del segnale d'allarme



Se il video ha problemi nel partire, potete visualizzarlo qui.

Per visualizzare il comportamento dell'elefante in risposta al suono prodotto dalle api, questo il link al video e all'articolo originale.

Questo studio è di particolare importanza in quanto fornisce uno strumento per minimizzare i conflitti tra le popolazioni di agricoltori locali e gli elefanti che invadono i campi coltivati. La costruzione di alveari sul limitare dei campi coltivati ha già dimostrato essere un efficace deterrente per tenere lontani gli elefanti ed ha il vantaggio ulteriore  di fornire agli agricoltori una ulteriore fonte di reddito (ed alimentare) come il miele.

Fonti
- Do elephants call ''human!''?
Oxford University, news
- African Elephant Alarm Calls Distinguish between Threats from Humans and Bees
Joseph Soltis et al, PLoS ONE, (2014) Feb 26;9(2)

Nessun commento:

Ricondizionati e garantiti da Amazon

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Prova Amazon Prime Spedizioni pagate per un anno e consegna anche (per prodotti selezionati) entro due ore!!
Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...

Un utile approfondimento sull'assioma oggi alla moda vegano = salute e sulla fallacia dei giudizi non scientifici