CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.
Le notizie sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate in modo tale da essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato.
Ho disabilitato la pubblicità creata da Google attraverso adsense in quanto inutile e fastidiosa per chi legge.
Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci tematici di Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di comprare libri o servizi da Amazon, meglio ;-)
Dimenticavo. Questo blog NON contiene olio di palma (è così di moda specificarlo per ogni cosa...)

Pianeti-oceano più probabili nei pressi delle nane rosse

Ho già affrontato in passato il tema dei pianeti-oceano (waterworld) in quanto pianeti di indubbia fascinazione data la loro specificità. E' bene ricordare che con il termine "pianeta-oceano" non si deve intendere un pianeta i cui continenti siano stati ricoperti dalle acque a seguito di qualche cambiamento climatico (come è il caso per il pianeta Terra nell'iconico film Waterworld) ma di un pianeta in cui sono presenti solo oceani profondissimi.
Immaginate di raccogliere tutta l'acqua
sulla Terra e rapportatela al pianeta. La
goccia più piccola rappresenta l'acqua
dolce.
(Credit: H. Perlman &  J. Cook)
L'esistenza di tali pianeti è desumibile dai valori di densità (e di spettrometria se disponibili) che quantificano l'acqua in valori superiori al 10 %  della massa totale; per confronto ricordo che l'acqua sulla Terra rappresenta un misero 0,02 % e che quindi vista da distanze  interstellari apparirebbe come un pianeta arido (sebbene l'acqua nel nostro  pianeta copra il 71 % della superficie, essa è presente solo sulla "buccia", scomparendo quasi totalmente già a partire dalle porzioni intermedie della crosta terrestre).
Vi rimando all'articolo precedente per una trattazione più completa --> "Superterre e pianeti oceano"
Torno sul tema in occasione della pubblicazione di un articolo sulla rivista "Astronomy and Astrophysics Letters" in cui si riportano i calcoli che indicano nelle nane rosse le stelle attorno alle quali è più probabile trovare questi pianeti. Dato che le nane rosse sono il tipo più comune di stelle nell'universo va da sé che i waterworld sono destinati a diventare più una realtà che una curiosità estemporanea mano a mano che il processo di identificazione e catalogazione degli esopianeti si arricchirà di nuovi pianeti (3472 gli esopianeti ad oggi confermati --> qui per i dati aggiornati).
Le nane rosse sono anche le stelle "preferite" come oggetti di studio per gli astronomi che si dedicano alla ricerca di esopianeti in quanto di lunga "vita" oltreché stabili, ideali quindi per massimizzare le probabilità che su uno dei pianeti orbitanti possa comparire la vita. I pianeti-oceano sono in realtà una incognita per il loro potenziale biologico; verosimilmente dotati di una atmosfera estremamente turbolenta mancherebbero anche delle condizioni base per la comparsa della vita (come le sorgenti idrotermali sul fondo di mari non troppo profondi).
Il lavoro è stato condotto all'università di Berna da Yann Alibert e Willy Benz, mediante simulazioni al computer sul tipo di pianeti compatibili con le specificità di queste stelle. I risultati indicano tra l'altro che che il raggio dei pianeti sarebbe tra 0,5-1,5 volte quella della Terra, con una distribuzione di frequenza normale; in altre parole i pianeti più frequenti avrebbero le dimensioni della Terra. Tuttavia più del 90% dei pianeti ricavati dalla simulazione sarebbero costituiti da almeno il 10% in massa di acqua, catalogabili a tutti gli effetti come pianeti-oceano.


Fonte
- Formation and composition of planets around very low mass stars
Y. Alibert and W. Benz, Astronomy and Astrophysics Letters 598(2017)

Nessun commento:

Biglietto musical + cofanetto limited edition

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...

Io amo i musical. E voi?

Ideale per la cameretta