CC

Licenza Creative Commons
Questo opera di above the cloud è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Based on a work at scienceabovetheclouds.blogspot.com.

The Copyright Laws of the United States recognizes a “fair use” of copyrighted content. Section 107 of the U.S. Copyright Act states: “Notwithstanding the provisions of sections 106 and 106A, the fair use of a copyrighted work (...) for purposes such as criticism, comment, news reporting, teaching, scholarship, or research, is not an infringement of copyright.”
Any image or video posted is used according to the fair use policy
Le notizie sono etichettate per contenuto e argomento e sono pensate per essere "utili" anche a distanza di mesi. Ogni news tratta da articoli peer reviewed (non opinioni!!) è contestualizzata e collegata a fonti di approfondimento. Ben difficilmente troverete quindi notizie il cui contenuto è datato.
Ho disabilitato la pubblicità creata da Google attraverso adsense in quanto inutile e fastidiosa per chi legge.
Volete aiutare il blog? Cliccate sugli annunci tematici di Amazon (se non li vedete, modificate l'Adblocker per vedere solo Amazon). Se poi decidete di comprare libri o servizi da Amazon, meglio ;-)
Dimenticavo. Questo blog NON contiene olio di palma (è così di moda specificarlo per ogni cosa...)

siete dormiglioni ? E' colpa dei geni

Quante volte siamo stati accusati di essere: dormiglioni; leoni la sera e cxxxxxi la mattina; scansafatiche; etc ?
Bene, parafrasando Jessica Rabbit che diceva "non è colpa mia, mi disegnano così" allora anche per noi vale "è colpa dei geni".
Courtesy of sonohra.cesca.forumcommunity.net/?t=32070835
Quello che cito non è uno dei tanti articoli che appaiono sulla stampa gossipara da parrucchiere ma deriva da uno studio serio, recentemente pubblicato da un gruppo tedesco/scozzese su Molecular Psychiatry
Il gene coinvolto si chiama ABCC9 e codifica per una proteina il cui ruolo è quello di monitorare lo stato energetico della cellula. L'importanza evolutiva di questa proteina è evidenziata dalla estrema conservazione evolutiva della stessa, caratteristica questa che permette di studiarne l'attività in uno dei modelli genetici più studiati in assoluto: il moscerino della frutta (Drosophila melanogaster).
Di questa proteina esistono nell'uomo delle varianti geniche dette polimorfismi (NON mutazioni per motivi legati sia alla frequenza nella popolazione che all'effetto non deleterio) che sono associate ad una tendenza dell'individuo a dormire, nelle giornate non lavorative, più a lungo della controparte "normale". Al momento non è chiaro se il "problema" sia in un sensore difettoso, cioe' la proteina, che fa credere al corpo di dovere dormire di più per recuperare l'energia o se il fenomeno sia più complesso.
I ricercatori hanno da poco iniziato uno screening a tappeto, mediante analisi del DNA, su una popolazione più ampia, per capire meglio la biologia del sonno.
Sotto la citazione di uno dei ricercatori coinvolti.
La tendenza a dormire a lungo ha spesso caratteristiche di familiarità nonostante le differenze intrinseche legate all'età e all'attività. Altre influenze importanti derivano dal dove si vive (latitudine), stagionalità e alterazione del ritmo circadiano. Solo considerando tutti questi elementi si potrà arrivare a comprendere la relazione tra stato di salute e la modalità del sonno Jim Wilson - Royal Society University Research Fellow, Centre for Population Health Sciences

Quindi la prossima volta che fate tardi in ufficio, provate a citare questo lavoro per discolparvi.

Quale è la durata del sonno adatta per la propria fascia di età? Vedi qui.

Fonte
- A KATP channel gene effect on sleep duration: from genome-wide association studies to function in Drosophila
K V Allebrandt et al, Molecular Psychiatry 18, 122-132 (January 2013)


Nessun commento:

Vi serve un eReader? Date un occhio ai prodotti sotto sponsorizzati

Nuovo Kindle Se come me amate la semplicità, affidabilità e costo basso allora il Touch fa al caso vostro
Prova il nuovo Kindle Vojage!Se il classico Kindle e volete uno schermo da 6" ad alta risoluzione (300 ppi) con luce integrata a regolazione automatica,
Prova il nuovo Kindle Oasis!Volete solo il top? Ecco allora il top di gamma. Un po' caro ma ...

Il mio musical preferito e prodotti che uso per i miei amati Mac